Gli acquarelli esistenziali degli Io?Drama

Eclettici, lirici, carismatici: la band milanese torna con un album che merita attenzione

21
0

Non resta che perdersi

degli Io?Drama (Cama Records)
Voto 7+


A quattro anni di distanza da Da consumarsi entro la fine e due dall’EP Mortepolitana, la band milanese sfodera un album che non esiterei a definire “inusuale”, almeno per quel che riguarda l’odierno panorama italiano. Ben prodotto da Nicolò Fragile, sempre affidandosi al violino urticante di Vito Gatto e alla bella voce e all’estro di Fabrizio Pollio (senza dimenticarsi del batterista Mamo e di Giuseppe Magnelli alla chitarra), l’album offre suoni e soluzioni musicali d’indubbio gusto aggiungendo un quid di elettronica perfettamente funzionale all’altrock d’autore del combo ambrosiano.
copertina-NRCP-officialE se, casualmente, la band in un’occasione (A piedi scalzi) sembra ricalcare le direzioni musicali che già furono dei Subsonica, negli altri brani, da Babele al singolo Vergani Marelli 1 attraverso Madreperla, Risveglio e la bella ballata Il sasso e lo stivale fino al finale crimsoniano di Chiedilo alla cenere, lascia trasparire personalità musicale in abbondanza per sostenere senza problema alcuno gli acquarelli esistenziali, mai banali, delle belle liriche (vero punto di forza, avere qualcosa da dire) delle dodici canzoni dell’album. Eclettici, lirici, carismatici e moderni senza essere trendy a ogni costo. Da non crederci, di questi tempi. Meritano, eccome.

CONDIVIDI
Fulvio Bacci
Fulvio Bacci è nato, vive e lavora a Milano. È appassionato di storia, in particolare medioevo, e musica, cinema, lettura, basket, rugby, Irlanda e Scozia. Canta nella rock band milanese Minshara. Non è sposato e non ha figli. Si diletta di scrittura ma proprio perché non ha niente di meglio da fare. Fumatore accanito. Non ha soprannomi tranne "Ginocchio". Ha amici molto spiritosi.