Albo e Reale, una promessa mancata

135
0

Abnormal
di Albo e Reale (Nobiltà di Strada)
Voto 5,5


La nuova web label Nobiltà di Strada offre l’opportunità ad Albo e Reale di farsi conoscere. Opportunità che porta il nome di Abnormal, uscito il 20 gennaio. Nome dell’album, nonché della crew composta dai due rapper. È davvero triste affibiargli un cinque e mezzo che, con meno sbavature (che tra l’altro si potevano evitare), avrebbe potuto essere un sei pieno.
Si potevano evitare, perché la smania per l’auto-celebrazione, come troppo spesso accade ultimamente nella scena italiana, distoglie l’attenzione da quello che è il messaggio (che c’era) contenuto nel progetto.
FronteIl beat della traccia di apertura offre una prospettiva che in realtà non si verifica: dà l’idea di comunicare un pensiero che trasuda odore di strada, ma non è così. “Allontanare le paranoie con la musica”: messaggio propositivo che loro stessi offuscano con dei cambi repentini troppo trash.
Cinque tracce che perdono un po’ il senso di essere, quando, alla fine, è solo rap che parla di rap, forse per la troppa foga e voglia di uscire allo scoperto. Il contenuto c’è, ma è come se venisse offuscato dalla troppa fretta di fare. Anche tecnicamente, i due ragazzi devono migliorare, proprio per questo avrebbero dovuto concentrarsi sulla potenza del loro messaggio, più che sull’auto-celebrazione.

CONDIVIDI
Tyrone Nigretti
Mi chiamo Tyrone, vivo a Milano ed ho 21 anni. Ho iniziato ad ascoltare il rap perché rispecchiava la mia persona: il rap dice le cose nello stesso modo con cui amo dirle io, in modo pungente ed efficace. Le prime recensioni le ho scritte con il desiderio di spiegare il rap e di dare un'interpretazione che desse peso e importanza ad ogni parola scritta nei testi. Questa passione si è intensificata a tal punto da desiderare di poter lavorare con il rap e per il rap. Grazie al rap, dal quale sono stato in qualche modo ispirato, ho scritto il mio primo libro: Fattore H, edito da Rizzoli.