L’american dream di Tom Petty

55
0

Hypnotic Eye
di Tom Petty & the Heartbreakers
(Reprise Records)
Voto: 7 1/2

È il riff rassicurante ed epico di American Dream Plan B ad aprire la nuova fatica discografica del Seminole di Gainesville, Florida, e degli Spezzacuori suoi complici, che quest’anno festeggeranno il quarantennale di attività. Un album che rocca & rolla il giusto con un bel sound nervosetto, corposo e pieno come giusto che sia, prodotto bene, con variazioni e fughe strumentali dietro ogni angolo di canzone. Una dichiarazione di fedeltà alla linea rock’n’roll a tutti i costi, insomma; un’opera che ripercorre e arricchisce la carriera di Tom Petty e della sua band come rockers a tutto tondo. I primi tre brani dell’album sono degni di rientrare nell’antologia del miglior Tom Petty di sempre, e anche variazioni sul tema come il blues di Full grown boy, Burnt out town e dell’indolente Power Drunk, la dolcezza country di Sins of my youth, l’hard pop di All you can carry, o il garage beat di Forgotten Man, si ammantano del sound jingle-jangle via Byrds che da sempre caratterizza il nostro e le sue opere.

images

Merito di ciò va al combo collaudatissimo e musicalmente più che notevole degli Heartbreakers, guidati da Mike Campbell (chitarre) e Benmont Tench (organo, piano, tastiere) e completati da Steve Ferrone (batteria), Ron Blair (basso) e Scott Thurston (chitarre, armonica a bocca). Una band che da sempre mostra belle cose, e che ancor oggi continua, imperterrita, a coadiuvare al meglio il suo leader. Niente male davvero.

CONDIVIDI

Fulvio Bacci è nato, vive e lavora a Milano. È appassionato di storia, in particolare medioevo, e musica, cinema, lettura, basket, rugby, Irlanda e Scozia. Canta nella rock band milanese Minshara. Non è sposato e non ha figli. Si diletta di scrittura ma proprio perché non ha niente di meglio da fare. Fumatore accanito. Non ha soprannomi tranne “Ginocchio”. Ha amici molto spiritosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here