Unbroken di Angelina Jolie
con Jack O’Connell, Takamasa Ishihara, Domhnall Gleeson
Voto 7-

Louis Zamperini correva forte e a lungo per sfuggire a risse e poliziotti. Era di famiglia italiana, lo chiamavano “mangiaspaghetti”, marcava male, ma si scoprì capace di finali veloci  alla fine delle gare di resistenza. Arrivò alle Olimpiadi. A Berlino nel ’36 nei 5000 finì settimo, primo degli americani e segnò un ultimo giro da record. Nella bio di Laura Hillebrand (Mondadori)   dice che chiese a Gobbels di fargli una foto ricordo con Hitler e che un po’ bevuto rubò una bandiera con la svastica rischiando un inizio di guerra mondiale. Il film ce lo risparmia, ma mostra che era resistente come un cavallo e “unbroken”, che vuol dire illeso, integro, costante, intatto, non addomesticabile, selvaggio. E poi il fratello gli diceva sempre: Per un momento di dolore una vita di gloria. In guerra su un bombardiere Zamperini sopravvive ai combattimenti, a un atterraggio nell’oceano, a 47 giorni su un canotto e finisce in un campo di concentramento giapponese. Qui inizia qualcosa di molto visto già nel Ponte sul fiume Qway, in Furyo, e nel recente Le due vie del destino. Il frustrato comandante del campo lo guarda negli occhi, gli dice di non guardarlo negli occhi e lo picchia selvaggiamente per tutto il film, finchè la guerra finisce. Un trattamento molto personale, speciale, sadico. Zamperini resiste a colpi e sofferenze incredibili e non si spezza. Dividiamo il film in sezioni: gioventù di Zamperini, ricostruzione di genere. Fase atletica: si nota la propensione della Jolie alle grandi campate ma con ordine. Citava la Riefenstahl? Momenti di gloria? Zamperini in guerra sui bombardieri. Tutti i soldati sembrano attori e fotomodelli (le foto nella bio mostravano facce e corpi più anni Quaranta) e l’uso degli effetti speciali è al servizio dell’estetica. Cita Memphis Belle? Che la Jolie abbia un’estetica romantica della resistenza al dolore? Campo di concentramento: guardi il comandante (che però è frustrato, solo caporale, come Hitler) e pensi al rapporto che c’era in Furyo tra Sakamoto e David Bowie. Ai tempi lo definirono Il ponte sul fiume gay tanto era sottolineata l’attrazione che diventava angoscia. Anche qui Zamperini resiste. Noi invece un po’ ci siamo rotti. Broken?

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori
  • Massimo Poggini

    Sono andato a vederlo ieri sera e sostanzialmente condivido quel che dici. Soprattutto che “i soldati sembrano tutti attori e fotomodelli”… E in generale manca un po’ di pathos.