Il cinepanettone sullo stomaco

49
0

Impressionato -Perché quell’aria da mal di pancia?
Non so – Non so… Deve essere stato l’ultimo cinepanettone…
Impressionato -Ma dai! Sii più preciso: ora abbiamo i seriali, i classici, gli anticinepanettoni.
Non So -Ah… E cioè?
Impressionato – Neri Parenti è un autore di cinepanettoni seriali, come le canzoni di Sanremo: confezionate per vivere in quell’ambiente… I classici sono i nuovi classici: Aldo, Giovanni e Giacomo, che rispetto alla media sembrano Wenders, Pabst e Bergman. E Ogni maledetto Natale è un anticinepanettone.
Non So -Oh, non so… Anti? Cioè?
Impressionato -Lui e lei, nuova coppia, a Natale che si fa? Da lei tutti i parenti sono coatti, da lui tutti fighetti: doppia razione, stessi attori in due parti, il giro di Boris…
Non So -Non so… dovrei vederlo. È che mi fa male qui: mi sa che è stato Un Natale stupefacente.
Impressionato -Tenero, labile, televisivo, ovvio, leggero, ma allegro…
Non So -Sarà… non so… Ma quando sento la battuta del tipo che tira tira e la capra non dà latte, poi gli spiegano che è un caprone…
Impressionato -E vabbé, anche i fescennini degli antichi romani…
Non So -È che la scena in cui il caprone si innamora del tipo e i carabinieri li sorprendono insieme in moto e li fermano, perché il caprone, sognante, è senza casco, mi ha proprio devastato.
Impressionato -Ma dai! Come sei schifiltoso…
Non So – Non so… È che mi vergogno. Un turista che mi ha chiesto qualcosa proprio fuori dal cinema e ho risposto che non ero italiano.
Impressionato -Esagerato…
Non So -Ma guarda che subito dopo quella scena, nei titoli di coda, si ringraziavano le forze dell’ordine…  Siamo un paese psichicamente devastato…
Impressionato -Guardalo da un punto di vista industriale. Siamo un paese nel guano, tutto quello che è italiano e incassa va sostenuto!
Non So – Non so… E poi, scusa, ma non è la logica dei governi che ti portano in guerra e poi ti cazziano se ti lamenti dei bombardamenti?
Impressionato-Dai! Pensa a Aldo Giovanni e Giacomo: Il ricco il povero e il maggiordomo. Strutturato, meno televisivo, storia interessante. Poi certo, ognuno ripropone il suo stile: loro mettono in luce il contrasto tra ricchezza e povertà, la forbice che si divarica sempre più, il fatto che non potrai mai sentirti al sicuro, oggi sei ricco, domani chissà…
Non So -Scusa, ma non so… Detto così, sembra un telegiornale a caso degli ultimi milleduecento giorni…
Impressionato -Fai lo spiritoso?!
Non So – Non so… E se ti rispondo che divaricano anche loro la forbice?-
Impressionato -Lascia stare, ti prego…
Non So -È che mi fa male lo stomaco, ma forse è stato Ma tu di che segno 6?
Impressionato -Forza, lamentati: la scoreggia tsunami di Boldi con l’equivoco dell’operazione di emorroidi…
Non So – No, non so… Come dire, quella ci stava, era prevista. Non dico che è come l’attore che sollevava la coda e petava nel Fellini Satyricon, ma c’è un’aria di disperazione finale in questi film, un po’ come se fuori avanzasse la maschera della morte rossa e loro fingessero di divertirsi…
Impressionato -Ti vengono in mente proprio cose assurde! Sei depresso? Un peto è un peto è un peto…
Non So -Non so… A proposito di cose assurde: nei titoli di coda saltava fuori che il film era riconosciuto di interesse culturale…
Impressionato  – Eddai! Non gli han dato sovvenzioni, solo il riconoscimento. Guarda che è un film coraggioso, tutto finanziato dai produttori…
Non So -Ah, non so… Però è stato l’unico momento in cui sono scoppiato a ridere.
Impressionato -E va bene! Sai come si dice: quelli come te ai tempi d’oro non capivano Totò & Peppino e definivano i loro  film “alimentari”…
Non So -Non so… È vero: loro riproponevano in pellicola gli sketch del teatro di rivista, i Tognazzi & C riproponevano gli sketch televisivi. Ma era un’altra Italia. Tutto un cinema che nasceva dal basso e poi cresceva. Anche oggi ripropongono sketch televisivi, no?! Dopo sessant’anni di tv…  Forse era il fascino del bianco e nero?
Impressionato– Ah, non so…
Non So – Veramente “non so” lo devo dire io. Vabbè. Andiamo al cinema?

CONDIVIDI
Non So
Non So non si sa dov'è nato, dove abbia lavorato (si sussurra in teatro con Gaber, ma non è chiaro). Per mestiere dubita. Alle domande più semplici (Hai fame? Sete? Sonno? Ti è piaciuto?) risponde sempre “Non so” Invia i suoi dialoghi dopo aver visto un film, letto un libro, o scoperto qualcosa di cui non è convinto. Usa come partner, di solito, qualcuno rimasto Impressionato.