Sottomesso? Dialogo su Houellebecq

Bartleby e Non So parlano di Sottomissione e di Houellebecq

54
0

Schermata 2015-02-07 alle 12.32.29Bartleby -Senti un po’, ma ti è piaciuto Sottomissione?
Non So -Non so… Sì, mi sono divertito
Bartleby -Be’, qualcosa ne penserai pure. Ma è così antislamico?
Non So -Non so… Ma se fossi un principe saudita chiamerei Houellebecq nel mio ufficio stampa. Forse voleva renderci simpatici i principi sauditi…
Bartleby -Be’, in effetti ci fanno una gran bella figura. Un  leader islamico bravo, a suo modo moderato, quasi gollista… Ma cosa ti ha divertito?
Non So -Non so… Houellebecq stesso forse. Lui è sempre al centro di quel che scrive travestito da personaggio. È lì che ci spia e pensa: “state perdendo le staffe, eh?!”. E ogni volta muta pelle…
Bartleby -Stavolta che cos’ha di diverso dalle sue vecchie pelli di serpente?
Non So -Non so… Forse che la nuova pelle, a misura di marketing, sembra fatta per far incazzare proprio quelli che lui chiama identitari, la destra che trema all’idea di venire invasa dalla cultura islamica. O dai migranti… Il suo islam non mi sembra quello di Isis, ma quello che compra ingegneri, architetti, tecnici… Perché non nazioni?! Lui è abituato a spararle grosse…
Bartleby –Be’, lui dice che tra islamici e identitari, quelli che in Francia sono Le Pen e qui da noi Salvini, non ci sono poi così tante differenze: sulla donna, i gay, l’ateismo ecc. la pensano nella stessa maniera.  Ma il suo personaggio è il suo personaggio o è lui? Cioè chi pensa che cosa?
Non So -Non so… Il suo personaggio è Houellebecq, un bastian contrario. Stavolta si è travestito da professore di lettere decadente, scazzato, ma poco dandy comunque. Studia da tutta la vita Huysman, ma non sembra Huysman, bensì la variante piccolo borghese e acida di un decadente…Non so… Mi sembrava indeciso se continuare a fare sesso o darsi al modellismo, no?!
Bartleby– Bah, non so… lo so che “non so” lo dici tu, ma in effetti… questo professore studia solo Huysmans, fa sesso con le sue allieve e con le escort che becca nei siti porno, compra cibi precotti nei supermercati, beve come un’idrovora, non esce quasi mai di casa… Quando arriva l’islam e lo licenzia e poi lo corteggia, lui si converte. Dici che quest’uomo che cerca donne sottomesse alla fine trova piacevole o confortante sottomettersi lui stesso?
Non So –Tu lo trovi sempre troppo di destra, vero?!
Bartleby -Se lo trovo troppo di destra? Sì, per certe cose a destra di Cheope. È che non so se ci è o ci fa quando il rettore della sua università invoca il ritorno alla Tradizione (patriarcato, donne a casa, ecc). Ho come la spiacevole sensazione che lui queste cose le pensi davvero, che ci creda davvero al fatto che le donne che lavorano sono il male. Mi sbaglio?
Non So -Non so… A stipendio triplicato dagli sceicchi, tre mogli standard, possibilità di continuare con alcolici, salumi e bagordi…
Bartleby -Ma dai… Anche i salumi?! Però è vero, nel romanzo non si parla del porco, nel senso del maiale… Dici che gli islamici di Houellebecq sono così furbi da non vietarlo?
Non So -Non so… Come dicono mio fratello e Machiavelli, “coloro che si limitano a essere leoni non conoscono l’arte di governare”. Bisogna essere volpi… E mio fratello non sapeva che hanno messo una volpe sulla copertina del romanzo. Ma tu credi alla storia che Houellebecq dice ai francesi o agli europei “Vergogna! Ai tempi di Carlo Martello vi ribellavate?!”
Bartleby -Volpi e cuccioli di volpe, dici? Eh già, forse è così… A forza di dubitare, me lo stai quasi facendo diventare simpatico. Ma ti piacciono le sue donne in guèpiere, depilate, tra l’igienista dentale e Valentina Nappi? Non sono un po’ i sogni del vecchio porco (non nel senso del maiale)?
Non So -Non so… Nei primi libri mi sembrava crudele verso le donne, adesso mi ricorda quel personaggio in Che, di Polanski, che chiedeva a Sydney Rome di stare in piedi su di lui senza mutande, e mentre moriva sussurrava “mi ricordo…”. Un po’ fa pena…
Bartleby -Stavolta non so io, ma c’è tutto un armamentario di pensieri e pensatori reazionari che mi fa allentare l’elastico delle mutande: forse no, non sta dicendo questo, le sta semplicemente sparando grosse, ma questa idea dei barbari alle porte che sono sangue nuovo?
Non So -Non so… I barbari, il sangue nuovo è proprio l’idea delle destre che hanno paura del nuovo, i nazi che vogliono l’arca perduta… E se li sfottesse tutti quanti? Il personaggio è decadente, ma Houellebecq nelle ultime foto sembra il ritratto di Dorian Gray in soffitta mentre Dorian Gray se la spassa…
Bartleby -Oddio, un Dorian Gray invecchiato…
Non So -Non so… Credo che Houellebecq sia proprio cattivo, ma soprattutto con se stesso
Bartleby -Povero Houellebecq. E se lo lasciassimo sottomettersi e gli augurassimo buona fortuna? Ma senti, secondo te, a noi ce lo danno il triplo stipendio e tre mogli?
Non So -Non so… Fossimo in un romanzo francese forse, o nell’impero ottomano, che era pieno di talent scout… Ma in questo romanzo ci sono teorie economiche comiche: donne a casa a cucinare, disoccupazione risolta. Pil in crescita. Che poi sono le teorie di quelli che temono l’Islam, ma usano l’Islam per le loro  ossessioni… E poi, se pagano i principi arabi, perché dovremmo avere i soliti problemi europei? Non so… Penso che c’entri la French Theory…
Bartleby -Cos’è la French Theory? Io ero rimasto fermo al french kiss… C’era anche il French Can-can: Jean Renoir, se mi ricordo bene… E naturalmente la french fry, che in Houellebecq non c’è..
Non So -Quell’infatuazione delle università Usa che spiegano lo scibile universale pop con la triade Foucault, Derrida, Deleuze… Pensa a quando l’intellettuale incaricato di convertire il protagonista di Sottomissione gli spiega cos’è la vera sottomissione per un intellettuale…
Bartleby -Oddio, mi apri prospettive vertiginose. Dici che Houellebecq è un decostruzionista?
Non So -Non so… Ma dove non lo convince la sottomissione al divino, lo convince Histoire d’O
Bartleby -Be’ sì, in effetti quello è un colpo d’ala e una paraculata pop notevole: paragonare la sottomissione dell’intellettuale a dio a quella di O. al suo amante, è una provocazione calcolata come quella di Madonna che faceva l’allumeuse in mezzo ai crocefissi…
Non So -Vedi? Anche in La mappa e il territorio ci pigliava per i fondelli: fai arte contemporanea se illustri l’arte contemporanea. E se fai un quadro a Houellebecq, trac!: Houellebecq viene tritato da un misterioso assassino come in un romanzo di Fred Vargas. Houellebecq sarà un provocatore, ma soprattutto è un bel vanitoso…
Bartleby -Insomma, mi stai dicendo che  Houellebecq dice che Houellebecq siamo noi?
Non So -Non so… ma un po’ sì. Perché, tu no?!
Bartleby -Sì, un po’ sì, in fondo. Mi sa che vado al minimarket qui sotto a comprarmi dell’anatra al madera precotta, se ce l’hanno… Ma a me non piacciono le donne in reggicalze e bevo meglio di Houellebecq, non mi attacco mica a qualunque bottiglia.
Non So -Non so… Io da piccolo mi dilettavo con l’aeromodellismo…
Bartleby -E io giocavo a murella con i tappi a corona delle bottigliette di birra…
Non So -Tu dici che ci comprano?
Bartleby -Secondo me veniamo via in saldo… Avessimo almeno studiato Huysmans…E se andassimo a studiare Restif de la Bretonne e vediamo se ci danno un’occasione?
Non So –Alla prossima invasione…
Bartleby -Alla prossima. Magari ci rifugiamo in campagna
Non So -In campagna non so…
Bartleby -Sì, è vero, ci sono i moscerini e le lucciole che non vedeva più Pasolini… Magari nel deserto. ma ce le avranno, lì, le locuste precotte?
Non So –Preferirei di no…Oh, scusa Bartleby, di solito questo lo dici tu…

CONDIVIDI
Non So
Non So non si sa dov'è nato, dove abbia lavorato (si sussurra in teatro con Gaber, ma non è chiaro). Per mestiere dubita. Alle domande più semplici (Hai fame? Sete? Sonno? Ti è piaciuto?) risponde sempre “Non so” Invia i suoi dialoghi dopo aver visto un film, letto un libro, o scoperto qualcosa di cui non è convinto. Usa come partner, di solito, qualcuno rimasto Impressionato.