Klein, Fontana e le porte dimensionali

85
0
A sinistra Yves Klein, L'accord bleu, 1960. A destra Lucio Fontana, Concetto Spaziale. Attese, 1967

Klein Fontana
Milano Parigi 1957-1962
fino al 15 marzo 
Museo del Novecento

Detto fuori dai denti, l’arte contemporanea (Dadaismo, Costruttivismo, Suprematismo, Spazialismo eccetera), non è sempre di facile comprensione. Tanto che, sia l’italo argentino Lucio Fontana, che il francese Yves Klein – e molti altri -, furono vittime di stroncature e distorsioni, anche se, voce fuori dal coro, Dino Buzzati comprese il valore di Klein già alla sua prima esposizione a Milano nel 1957, che ebbe tra i primi acquirenti proprio Lucio Fontana. Come affrontare allora la mostra Yves Klein Lucio Fontana – Milano Parigi 1957-1962, in corso fino al 15 marzo al Museo del Novecento di Milano?
Il mio primo metro di giudizio è basato sull’estetica. Non mi pongo il problema del significato più profondo di un’opera ma, più prosaicamente, mi domando: appaga il mio senso estetico? I buchi e i tagli sulle tele di Fontana, il modo in cui sono accostate, il colore, soddisfano i miei occhi e il mio spirito? Per esempio, il blu di Klein – che l’artista brevettò come “International Klein Blue” – dialoga meravigliosamente con il neon – anch’esso blu – di Lucio Fontana. Un blu che rimanda ai proverbiali cieli di Giotto nella Cappella degli Scrovegni a Padova, o alla magica notte stellata di Van Gogh. Un colore spirituale, quasi extraterrestre che permane sulla nostra retina ben oltre il tempo dedicato alla visita.
La seconda domanda che mi pongo è: qual è il senso dei tagli, dei colpi di punteruolo e di scalpello sulle tele di Lucio Fontana? Si potrebbe partire dai titoli, ovvero Concetti spaziali. Quindi la ricerca di una terza dimensione oltre i limiti imposti dalla tela bidimensionale. Pensiamo quindi alle stelle, lo spazio, gli universi paralleli da raggiungere attraverso porte dimensionali.
Credo che tanto basti per comprendere, almeno in parte, il significato di queste opere.

CONDIVIDI
Davide Lopopolo
Diplomato al Liceo Artistico di Milano nel 1980, avrei sempre voluto fare l’artista. Ma, visto che si deve anche mangiare, mi sono inventato grafico editoriale e pioniere dei primi sistemi di impaginazione Apple, scoprendo un nuovo amore. Mi è andata bene, ho collaborato con le maggiori case editrici italiane e ora sono un art director sul libero mercato. Però il primo amore non si scorda mai, così sogno ancora di diventare un artista...