1990 – 2015: ci vediamo da Mario, prima o poi!

1523
0

Il 2015 per Luciano è un anno particolare.

Per uno attento come lui alle date, ai numeri, alla loro simbologia e a tutto quello che ci gira attorno, un anno come il 2015 che vede compiersi i 25 anni di carriera e i 20 dall’uscita di Buon Compleanno, Elvis! non può passare inosservato.

E infatti, non lo sarà.

Ancora dall’Asia ce lo sta già annunciando: dopo il tour dei palazzetti di Marzo – un mese circa – si parte con il mettere insieme le idee per i festeggiamenti.
E io sto già lì a capire, a immaginare che cosa si stia preparando per noi fan.

Che tanto non ci andrà mai bene fino in fondo, eh, sappiatelo.

Che tanto la data la location la scaletta il posto il biglietto sì il biglietto no “Per un desiderio che esprimi te ne rimangono fuori altri cento”.

Quante cose quelle possibili. Troppe, per renderle tutte possibili.

Ogni fan ha in testa la SUA sorpresa migliore, la SUA idea di festeggiamento perfetto.

E io non sono da meno.

Per quel che mi riguarda una Festa come fu la Festa d’Agosto del Bar Mario del 2009 sarebbe l’apoteosi.

Ma anche un bel raduno, dai…

Ma anche un album di quelle canzoni lì…

No, non proprio “quelle lì” che sappiamo noi…  🙂
No dai, io dico quelle lì che non sono mai uscite, che restano spaiate, che stanno lì a capire se mai qualcuno se le canterà. Che anche qui, parafrasando Niente paura: Per una scaletta che azzecchi te ne rimangono fuori altre cento.

Come lo vedresti invece Capo una cosa a teatro, che riguardi spazi più piccoli, allestimenti particolari?

Un bel set acustico come ai tempi del Valli, dell’Asioli, del concerto per il FAI a Bologna?

O un bel tour dei club anche da noi? Che noi è da un pezzo che non possiamo vantar di vederti come nelle foto a Tokyo, a San Francisco, a Sydney, San Paolo! Edddài…

Insomma, la caccia alla scommessa che sarà vincente è aperta.

Noi ti aspettiamo, Luciano: Gira gira gira gira gira gira tanto torni qua…

Almeno credo!

Il video dell’ANSA relativo all’intervista a Luciano, in quel di Tokyo.

CONDIVIDI
Chimena Palmieri
Sono Chimena Palmieri, classe 1963. Ho un diploma di Ragioneria, una Laurea in Sociologia, un lavoro presso l’Università Politecnica delle Marche. Ho un figlio, Francesco; ho amici, molti interessi e poche passioni. Sono nata a Castelfidardo, cresciuta a Numana, vivo ad Ancona: tutto in 30 chilometri, perché “Credo che la voglia di scappare da un paese con 20000 abitanti vuol dire che hai voglia di scappare da te stesso e credo che da te stesso non ci scappi neanche se sei Eddie Merx”.