Wild Boys

132
0

Quando sul banchetto di un venditore ambulante ho visto la cassetta pirata dei Duran Duran, ho capito che la band che stavo promuovendo era arrivata al successo. Non ci volle molto per ricevere i primi sacchi di posta delle fan, contenenti pelouche e cuoricini. E poi finalmente il lancio ufficiale: i Duran Duran a Sanremo. Era il 1985. Intorno all’Hotel Royal, nella cittadina ligure, iniziavano ad arrivare i fan, soprattutto ragazzine. Come nel film “Gli Uccelli” di Hitchcock, prima alcune, poi sempre di più… sino ad una vera folla. Tutte eccitatissime per l’imminente arrivo della band. All’arrivo di Simon LeBon & Co. avevamo dovuto far intervenire le forze dell’ordine per mantenere la calma ed un minimo di sicurezza. Due i passaggi televisivi previsti con il brano “Wild Boys”, già al vertice delle classifiche. Al termine della prima serata, dopo che la band era rientrata in albergo, proprio Simon LeBon, che nel frattempo aveva stretto amicizia con una nota deejay, in uno slancio affettuoso un po’ impetuoso era ruzzolato per la scalinata d’accesso dell’hotel. E così la notte si è conclusa al Pronto Soccorso. Il giorno dopo, per la serata finale, il “ragazzo selvaggio” si è presentato sul palco con la gamba ingessata per avvalorare quanto fossero realmente “Wild Boys”…

Certificato di ricovero di Simon Le Bon

CONDIVIDI
Massimo Bonelli
Ex Direttore Generale della Sony Music, ha trascorso 35 anni nel mondo del marketing e della promozione discografica, sempre accompagnato da una grande passione per la musica. Lavorava alla EMI quando, in un periodo di grande creatività musicale, John Lennon, Paul McCartney e George Harrison hanno iniziato produzioni proprie di alto livello e i Pink Floyd hanno fatto i loro album più importanti. Sino a quando, con i Duran Duran da una parte ed il punk dall’altra, è arrivato il decennio più controverso della musica.In CBS (più tardi Sony), ha contribuito alla ricerca e al lancio di un numero considerevole di artisti, alcuni “mordi e fuggi” come Spandau Ballet o Europe, altri storici come Bob Dylan, Bruce Springsteen, Cindy Lauper, Franco Battiato, George Michael, Claudio Baglioni, Jovanotti, Pearl Jam, Francesco De Gregori, Fiorella Mannoia e tanti altri…Si fatica davvero a individuare un artista con il quale non abbia mai lavorato, nel corso della sua lunga vita tra pop e rock.