Dark side of the moon e… la NASA

151
1

Qualche giorno fa la NASA ha rilasciato un video sul lato oscuro della Luna, ovvero l’altra metà del nostro satellite che noi non vediamo mai.
La memoria immediatamente corre a 42 anni fa, quando i Pink floyd hanno pubblicato Dark side of the moon, il capolavoro assoluto.
Detta così le due cose potrebbero essere totalmente scollegate tra loro, ma non è esattamente così: la NASA ha creato per il suo video delle animazioni con i dati raccolti dal LRO (Lunar Reconnaissance Orbiter), una navicella robotizzata che ha orbitato intorno alla luna per ben cinque anni, scattando fotografie della superficie del nostro satellite, al fine di realizzarne una mappatura completa.

Ma in tutto questo, vi chiederete, cosa c’entrano i Pink floyd? E’ presto detto: il video della NASA sembra sincronizzarsi perfettamente con l’inizio del disco dei Pink floyd, segno che qualcuno nel team di lavoro all’agenzia spaziale stanutinense deve avere una grande passione per la rock band britannica e ha voluto creare queste animazioni con un preciso timing sincrono al disco.
Ecco le istruzioni per poter vedere il bellissimo video e poterlo ascoltare con la musica dei Floyd in sottofondo.
Fate partire il video qui sotto:

Quando la canzone arriva circa a 18 secondi, fate partire il secondo video, che trovate qui sotto, silenziate il suono, e godetevi il viaggio sul lato oscuro della Luna, con le immagini della NASA e la musica dei Pink Floyd.

 

CONDIVIDI
Andrea Giovannetti
Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".
  • Le (neanche troppo) segrete armonie dell’universo…. Il piccolo nel grande e viceversa. È sempre uno spettacolo, ogni volta come e più della prima volta.