Mani gelide ma cuore caldissimo. Stay soul!

175
1

Ormai siamo in pieno tourbillon. Siamo entrati in quella fase dove gli impegni promozionali si accavallano. Foto, intervista, foto, tre domande al volo, selfie, altra intervista… Devo fare i salti mortali per ricavare un po’ di tempo da dedicare ai miei cari o agli amici. Tanto per dire, a Sanremo c’è anche mio vecchio amico Francesco Mandelli, cioè il 50% di Biggio & Mandelli: ci conosciamo da una vita; quando, nel ’99, esordii come veejay per MTV al mio fianco c’era lui. Siamo nello stesso hotel, lui ha la camera esattamente sotto la mia. Eppure ci siamo incrociati un paio di volte di sfuggita. Forse meglio così, perché è proprio un pirla, esattamente come me!!!

Ma si sa, il Festival è anche questo, inutile lamentarsi. Ieri sera mi sono fatta servire la cena in camera, il giorno prima del debutto sul palco dell’Ariston è meglio stare tranquilli per non rischiare di perdere la voce. Oggi invece ho pranzato con i miei genitori, con nonna Anna e con i componenti del mio staff.

Stasera salirò sul palco per prima, e questo ha i suoi vantaggi. Sapete come si dice, via il dente… Mi aspetto un po’ di mani sudate, gelide. Ma so che appena parte la musica e canto la prima sillaba si scioglie tutto come d’incanto. Comunque un po’ di tensione serve. Non si può salire su un palco, soprattutto se è così importante e far finta di niente.

Del resto al mio fianco, anzi, di fronte a me ci sarà Mauro Pagani, che è una sicurezza. Poi ci sono i maestri dell’orchestra che sono fantastici, e lui li fa suonare “da deus”.

4719985_CD_6_4COL.inddA proposito di Pagani e della sua bravura, racconto soltanto un aneddoto legato all’album Frasi & fumo, che esce domani. Stavamo registrando nei suoi studi Officine Meccaniche. Io per il brano che dà il titolo al disco avevo pensato a una chitarra jazz. Ad un certo punto esco a fumare una sigaretta. Quando rientro, lui stava suonando una viola col plettro e in pochi minuti aveva trovato la giusta maniera per inserirla nel pezzo. Un’idea geniale!

Volete che con uno così che ti dirige possa avere qualche preoccupazione?

Stay soul!!!

CONDIVIDI
Nina Zilli
Nina Zilli è in gara a Sanremo con Sola, brano raffinato dal marcato sapore blues. Dice, «È una canzone scritta di getto, sedendomi al piano e usandolo come terapia, peraltro gratuita. Parlo di solitudine in senso universale, quella che ti aiuta a confrontarti con te stesso e a conoscerti meglio». In questi giorni pubblica anche il nuovo album, Frasi & fumo, prodotto da Mauro Pagani.
  • Mi sono alzato in piedi per applaudirti. sei sempre la migliore.