Sanremo, cronaca della seconda serata

433
22

Eccolo qui il vostro spacciatore di minkiatelle, prontissimo a raccontarvi in diretta anche la seconda serata. Ieri è stata dura, a un certo punto pensavo di crollare. Ma siccome le sconfitte è onesto riconoscerle, devo ammettere che alla fine hanno avuto ragione loro. Infatti la prima serata è stata seguita dalla bellezza di 11 milioni 767 mila spettatori, con uno share del 49,34 per cento e un “picco” di 13 milioni di telespettatori. Vabbè!!!

Prima di iniziare, vi ricordo che Spettakolo.it pubblica in esclusiva il diario sanremese di Moreno (clicca qui per leggerlo) e quello di Nina Zilli (clicca qui)… Dai che quasi ci siamo. Stay tuned, come direbbe la nostra amica Nina, che tra l’altro sarà la prima “big” a salire sul palco, mentre Moreno sarà l’ultimo. I “big” usciranno in quest’ordine: Nina Zilli, Marco Masini, Anna Tatangelo, Raf, Il Volo, Irene Grandi, Lorenzo Fragola, Biggio & Mandelli, Bianca Atzei, Moreno.

P.S. ho pensato di mettere una foto di apertura un po’ diversa. Secondo me rende bene l’atmosfera che si respira nelle strade attorno all’Ariston. Vi piace?

(Il live-blog si aggiorna automaticamente, non serve ricaricare la pagina!)

CONDIVIDI
Massimo Poggini
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino). Ultimo libro uscito: "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi".
  • alessandro

    Preferisco la genuinità acerba di Kaligola, alla inconsistenza “esagerata” dei Kutso

  • alessandro

    Nina Zilli è una eccellente interprete. Ma questo testo proprio non si può digerire.

  • Nina zilli da 10. Perfetta. Mi sono alzato dal divano per applaudirla.

  • A Masini gli voglio bene come si vuole bene ad un amico antipatico….ma amico. Sei meno meno

  • Alla Tatangelo voglio bene come si vuole bene ad una zia acida che ti mette in punizione e fa la spia alla mamma. Voto 3

  • alessandro

    Un commento alla canzone di Raf: alieni, portatemi via!

  • Mi trovo in disaccordo con il maestro. Joe che invita Conti a pagare merita un 9

  • Raf e’ lo zio buono a cui scroccare una sigaretta. Voto alla canzone 5, voto a Raf 7

  • Falaschi Mita

    Bella e brava Nina Zilli.. ho apprezzato.anche il suo look..a proposito di look stasera Arisa sta proprio bene:…invece Emma che io trovo molto graziosa stasera con l abito corto e gonfio mi sembra un abajour…e adesso mi godo Biagio Antonacci

  • alessandro

    Ormai sono tutti poeti, tranne quelli veri.

  • alessandro

    Guardando “Il Volo”, immagino Bruno Vespa che canticchia sfregandosi le mani. Insomma, una bella scena degna del miglior Dario Argento.

  • Marco Pagliettini

    Voglio il poster di quello con gli occhiali rossi!

  • Ho saltato i tenori, ero in bagno. 6 politico

  • alessandro

    Ma il pezzo di Irene Grandi è per Sanremo o per Sanredio? Peccato, poteva fare la differenza.

  • Certo che tra la Irene Grandi che cantava i testi di Rossi e Tuccitto è quella odierna…..c’e’ un abisso. Lorenzo a me piace, ma questa canzone decisamente no.

  • alessandro

    “I Soliti…imitatori”. Brutta copia di Jannacci.

  • Nibali vince . Voto 10. Bianca a me è’ piaciuta. Sicuramente meglio della tatangelo

  • alessandro

    Scenetta Conti, Amendola, Argentero: l’Urlo di Munch.

  • alessandro

    Ma perché copiare Zelig. Perché?

  • Marco Pagliettini

    Che noia, che barba

  • alessandro

    Ma qual è, oggi, il ruolo del critico musicale? A&R delle case discografiche, accomodante commentatore, precario in attesa di giudizio? Anche questo è Sanremo. E più in là, il baratro.

  • alessandro

    Ora che ci penso, mi sembra di rivedere “Tale e quale Show”. Ma più brutto.