Ri-scatti. Immagini senzatetto

Tredici fotografi di strada dalla strada

25
0
Dino Luciano Bertoli

Ri-scatti
Fotografi senza fissa dimora
fino al 15 febbraio 
PAC Milano

Secondo una ricerca, sembra che ogni giorno vengano caricate sui profili social circa 1,8 miliardi di fotografie. Stando alle leggi delle probabilità, succederà anche che qualcuna fra queste immagini sia pure bella. Questo però non significa fotografare. Fotografare (disegnare con la luce) significa in primo luogo ragionare, comporre l’inquadratura – un po’ come i pittori dipingevano seguendo geometrie ben precise -, speculare sulle tecniche da utilizzare per ottenere il risultato che si ha ben preciso in mente.
Non sono un nostalgico dell’analogico, ma credo che fotografare in pellicola avesse l’indubbio pregio di costringere a fare i conti con il limite fisico di 24 oppure 36 scatti. Un limite che costringeva a discriminare cosa valesse davvero la pena fotografare e cosa no.
E pensare sembra essere proprio ciò che hanno fatto tredici “barboni” che, su segnalazione del Centro Aiuto del Comune di Milano, e sotto la guida del fotografo Stefano Guindani, hanno passato qualche mese a imparare le tecniche di base e a fotografare.
D’accordo, magari non tutte le immagini sono indimenticabili, ma sicuramente rivelano un pensiero, un’emozione, qualcosa di più profondo della foto di ciò che abbiamo mangiato ieri sera al ristorante e che abbiamo pubblicato con tanto orgoglio sul nostro profilo Facebook.

CONDIVIDI
Davide Lopopolo
Diplomato al Liceo Artistico di Milano nel 1980, avrei sempre voluto fare l’artista. Ma, visto che si deve anche mangiare, mi sono inventato grafico editoriale e pioniere dei primi sistemi di impaginazione Apple, scoprendo un nuovo amore. Mi è andata bene, ho collaborato con le maggiori case editrici italiane e ora sono un art director sul libero mercato. Però il primo amore non si scorda mai, così sogno ancora di diventare un artista...