Clark Terry (1920-2015): addio a una leggenda

37
1

Allo scoccare dei novant’anni, nel 2010 aveva ricevuto il Grammy Award alla carriera. Niente di più meritato per Clark Terry, trombettista, direttore d’orchestra e cantante di Saint Louis. Persona divertente e musicista capace di unire tradizione e modernità come pochissimi nel jazz, aveva già ricevuto numerosi premi e varie lauree honoris causa (anche del prestigioso Berklee College di Boston).

Autodidatta – ma poi ottimo didatta: il suo ultimo pupillo è il formidabile pianista non vedente Justin Kauflin -, cacciato di casa alla morte della madre da un padre violento appena dodicenne, il piccolo Clark si costruì una tromba con un imbuto e un tubo per l’acqua pur di poter suonare a scuola. Dopo aver battutto il circuito locale e suonato nell’orchestra militare, Terry esordisce con Lionel Hampton, per poi arrivare alle formazioni top di Count Basie (1948-51) e di Duke Ellington (1951-59), uno dei pochi a far parte di entrambe.

Nei 60 è con l’orchestra di Skitch Henderson al “Tonight Show” della NBC TV, primo musicista nero sul libro paga di quella televisione, e contemporaneamente suona con Oscar Peterson, Ella Fitzgerald, Gerry Mulligan, Gary Burton, Louis Armstrong e poi con una marea di altri musicisti, continuando le collaborazioni fin oltre fine secolo. Nella decade successiva, i Settanta, organizza la propria “Big BAD Band”, che per numerosi anni distribuì per il mondo tanto swing e un’enorme musicalità.

Dotato di una tecnica rara, in particolare al flicorno, non rifiutò mai il confronto con i nuovi talenti e le ultime ventate espressive del jazz: vengono in mente la sua influenza e le sue collaborazioni con Miles Davis oppure Cecil Taylor oppure Charles Mingus. Nel 2008 incise gli ultimi degli oltre 3400 brani che vedono la sua partecipazione, mentre del 2011 è la sua Clark: The Autobiography of Clark Terry.

Ricoverato in ospedale da inizio mese, è deceduto sabato, dopo una lunga battaglia contro il diabete.

CONDIVIDI

Che dire? Basta citare la cura di oltre 250 cd compilation di new age, jazz, world e quant’altro? Bastano una ventina d’anni di direzione artistica dell’Etnofestival di San Marino? Bastano i dieci come direttore responsabile di Jazz Magazine, Acid Jazz, New Age Music & New Sounds, Etnica & World Music? Oppure, e magari meglio, è sufficiente informare che sono simpatico, tollerante, intelligente… Con quella punta di modestia, che non guasta mai.

1 COMMENTO

  1. “…and always remember to have fun. You PLAY your instrument, you don’t WORK your instrument”. Dal suo corso didattico di tromba. Grazie di tutto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here