La donna cannone

218
0

Grazie al mio lavoro, ho  avuto svariate occasioni di trascorrere del tempo con Francesco De Gregori, da soli o in compagnia, in ufficio, al ristorante o a casa sua. Amanti dei libri, spesso passeggiavamo per librerie, influenzandoci con le rispettive letture. Francesco ha un carisma che crea soggezione, per cui molto spesso la gente lo osserva distante con  rispetto, ammirandone la statura culturale e fisica (in effetti è molto alto).  Una sera… mentre ci trovavamo, dopo un concerto, in un ristorante di provincia, da un tavolo vicino si alza un individuo e si avvicina a noi, visibilmente agitato e,  interrompendo la nostra conversazione, pone minacciosamente il cellulare davanti alla faccia di De Gregori dicendo ..”aho.. è mia moglie.. non ci crede che stamo insieme… je poi cantà la donna cannone?” … Non ci fu alcun nuovo concerto ma un glaciale quanto gentile rifiuto. Questa povera donna sarà rimasta nel dubbio.

CONDIVIDI
Massimo Bonelli
Ex Direttore Generale della Sony Music, ha trascorso 35 anni nel mondo del marketing e della promozione discografica, sempre accompagnato da una grande passione per la musica. Lavorava alla EMI quando, in un periodo di grande creatività musicale, John Lennon, Paul McCartney e George Harrison hanno iniziato produzioni proprie di alto livello e i Pink Floyd hanno fatto i loro album più importanti. Sino a quando, con i Duran Duran da una parte ed il punk dall’altra, è arrivato il decennio più controverso della musica.In CBS (più tardi Sony), ha contribuito alla ricerca e al lancio di un numero considerevole di artisti, alcuni “mordi e fuggi” come Spandau Ballet o Europe, altri storici come Bob Dylan, Bruce Springsteen, Cindy Lauper, Franco Battiato, George Michael, Claudio Baglioni, Jovanotti, Pearl Jam, Francesco De Gregori, Fiorella Mannoia e tanti altri…Si fatica davvero a individuare un artista con il quale non abbia mai lavorato, nel corso della sua lunga vita tra pop e rock.