Evviva il ribelle Medardo Rosso!

327
0
Medardo Rosso, Signora della Veletta 1893

Medardo Rosso
La luce e la materia
fino al 31 maggio 
GAM Milano

Medardo Rosso è uno di quegli artisti che non si è mai sicuri di comprendere veramente a fondo.
C’è un Medardo Rosso scultore di busti da esporre sulle tombe del Cimitero Monumentale di Milano, come ad esempio quella di Filippo Filippi, di Elisa Rognoni o Vincenzo Brusco Onnis. Opere che  stenteremmo a riconoscere come sue.
C’è poi il Medardo Rosso che preferisco: quello ribelle, espulso dall’Accademia di Brera, quello che che aderì alla scapigliatura milanese, che visse la stagione dell’impressionismo a Parigi e che chiamò il proprio figlio Francesco Evviva Ribelle.
E sono proprio le opere con i bambini le più misteriose e in un certo senso perturbanti.
Non riesco a distogliere lo sguardo dal piccolo Bambino malato (1895) nella versione in bronzo e, ancor più, in quella in gesso e cera. Si sa che nacque a seguito della degenza di Rosso in un ospedale parigino. Ma la domanda che continua a ronzarmi nella testa è: “Che fine avrà fatto il bambino? Quella sofferenza che mi assale attraverso i lineamenti appena accennati, quasi trasparissero da una placenta che ancora lo ricopre, avrà avuto termine con la morte, oppure con la guarigione?”
Sono sculture che inducono a esercizi d’immaginazione, di empatia. Inviti a completare ciò che è appena accennato dalla materia che – parole di Rosso – “…deve essere dimenticata”.
Così la fantasia galoppa e, nella scultura della Bimba che ride (1890), vedo le teste dei satiri romani del I e II secolo d.C; in Madame X (1913), dai lineamenti completamente inesistenti, le forme delle sculture di Modigliani o della testa della Signora di Brassempouy (Landes, Francia), di epoca paleolitica.
Una carne viva, in continua trasformazione. Un passato ancestrale  – quasi come nel film Stati di allucinazione di Ken Russell (1980) – che ritorna presente attraverso la nostra immaginazione e i nostri sentimenti, mediata attraverso il talento di una rockstar della scultura ante litteram.

CONDIVIDI
Davide Lopopolo
Diplomato al Liceo Artistico di Milano nel 1980, avrei sempre voluto fare l’artista. Ma, visto che si deve anche mangiare, mi sono inventato grafico editoriale e pioniere dei primi sistemi di impaginazione Apple, scoprendo un nuovo amore. Mi è andata bene, ho collaborato con le maggiori case editrici italiane e ora sono un art director sul libero mercato. Però il primo amore non si scorda mai, così sogno ancora di diventare un artista...