Black or White. Preparate i fazzoletti

Nonno bianco neo-vedovo che beve, nonna nera all'attacco, nipotina orfana e mista, padre assente o peggio. Chi avrà l'affidamento?

29
0

Black or White
di Mike Binder
con Kevin Costner, Gillian Jacobs, Jennifer Ehle, Octavia Spencer.
Voto 6/7

L’avvocato Kevin Costner,  borghese, bianco e neo-vedovo distrutto che affoga nell’alcool l’ansia, si ritrova solo con una nipotina deliziosa/leziosa e mezza bianca e mezza nera, avuta dalla figlia (morta di parto) da uno scapestrato ragazzo di colore. Mentre si applica per imparare i riti quotidiani a cui la moglie  si dedicava con la nipote, l’ala black della famiglia, che vive in zona periferica e sospetta, guidata dalla patriarca Wee Wee rivendica la bambina per l’affidamento esclusivo e riappare il giovane padre, ancora drogato (e inaffidabile, bugiardo, infingardo, eccetera, com’è normale sotto dipendenza) e pilotato dalla patriarca. Mentre Costner cerca di organizzare la sua vita e assolda un curioso ragazzo nero (africano) che gli dà ripetizioni di matematica e  fa da trainer, tuttologo e autista, cerca di impostare una battaglia legale. Il giudice è donna e nera: lascerà una bimba mix a un nonno bianco che alza il gomito? Il film si muove tra dolori e sorrisi, ogni tanto a un filo dalla tragedia, ogni tanto affonda nel kitsch. Costner si diverte sorretto da un bel dialogo, è suave, la famiglia nera sembra uscita da una sitcom, il giovane tuttologo africano perplesso in America è una figurina inedita e probabilmente il problema è molto sentito e anche in Italia lo sarà, e il film commuoverà o rinfrancherà, come un brodo di pollo. Vi piace il brodo di pollo?

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori