Snowden’s Great Escape, il documentario

191
0

Aspettando il film di Oliver Stone su Edward Snowden si può iniziare a documentarsi un po’. Il modo migliore, e forse anche meno noioso, è guardarsi il documentario Snowden’s Great Escape di John Goetz e Paul Erik Helibuth. Che racconta della più grande fuga di notizie segrete dell’intelligence nella storia americana in un’ora scarsa di inchiesta investigativa, usando come fonti i diretti interessati.
In breve: è il 21 Giugno 2013, Snowden si trova a Hong Kong, da dove ha rivelato per la prima volta nella Storia, i programmi di sorveglianza di massa della National Security Agency (NSA). Dopo aver lavorato al suo “piano di rivelazioni” con i due giornalisti indipendenti, Laura Poitras e Glenn Greenwald e con Ewen MacAskill del Guardian, Snowden è sparito nel nulla. Tutto il mondo gli dà la caccia, governo americano in testa, ma nessuno riesce a trovarlo. La sera di quel giorno l’agenzia WikiLeaks gli offre la possibilità di lasciare Hong Kong per trovare asilo politico. È questa la grande fuga di Snowden, che ora comunque sappiamo essere “ospite” della Russia Putiniana. Da segnalare anche il progetto di un altro film su quest’argomento: la Sony ha infatti comprato i diritti del libro No Place to Hide: Edward Snowden, the NSA, and the U.S. Surveillance State, di Glenn Greenwald. Sarà interessante verificare i diversi punti di vista…

 Snowden’s Great Escape di John Goetz e Poul-Erik Heilbuth. In streaming alle 21 di Lunedì 9 marzo su MyMovies Live. A seguire il dibattito sulla vicenda WikiLeaks a cura della redazione de l’Espresso. Interviene Roberto Saviano da New York

CONDIVIDI
Simone De Vita
Nasce nel lodigiano nel 1986, ottiene una laurea Magistrale in Lettere Moderne, scienze della letteratura, teatro e cinema. Scrive racconti, poesie, canzoni, e cerca di farlo con uno stile proprio... Perché come disse lo zio Buk , "Lo stile è una risposta a tutto."