Microsoft Lumia 640 e 640 XL. Belli e possibili.

55
0

Al Mobile World Congress di Barcellona conclusosi il 6 marzo scorso, Microsoft ha presentato due nuovi smartphone Lumia: Lumia 640 con display ad alta definizione da 5”e Lumia 640 XL con schermo HD da 5,7 “. Entrambi aggiornabili al nuovo sistema operativo Windows 10 appena disponibile, entro la fine dell’anno. In attesa di Win10 si utilizza l’ultima versione di Windows Phone 8.1 con l’aggiornamento Lumia Denim, completo di Action Center, Word Flow e Live Folders. Belli e potenti – grazie alla dotazione di 1 GB di memoria e al veloce processore Qualcomm Snapdragon quad core a 1.2 GHz – entrambi i dispositivi si segnalano anche per il prezzo davvero contenuto. Per il Lumia 640 il prezzo indicativo è di circa 139 euro per il modello 3G e 159 euro per il modello LTE, (tasse escluse). Per il Lumia 640 XL il prezzo indicativo è di circa 189 € per 3G e 219 euro per LTE (tasse escluse). Da notare anche che sia Lumia 640 che Lumia 640 XL saranno disponibili in versione single-SIM e nelle varianti dual-SIM LTE e dual-SIM 3G e che Lumia 640 XL sarà disponibile anche nella variante single-SIM 3G. La fotocamera posteriore è da 8 MP sul Lumia 640 o da 13MP con ottica ZEISS sul Lumia 640 XL: entrambi sono dotati di funzione LED flash, fotocamera frontale per le videochiamate Skype, e il software Lumia Camera pronto da scaricare. La batteria a lunga durata è da 2500 mAh per il Lumia 640 e 3000 mAh per Lumia 640 XL. L’abbonamento a Office 365 Personal è gratis per un anno e comprende le più recenti applicazioni di Office (Word, Excel, PowerPoint, Outlook e OneNote) sul Lumia, nonché su un PC o Mac, e un tablet, oltre a 1 TB di storage Microsoft OneDrive, e 60 minuti gratis di chiamate Skype al mese.
Lumia 640 XL inizierà ad essere distribuito a livello globale a marzo e sarà disponibile in ciano opaco, arancione e nero e in bianco, sia opaco che lucido. Lumia 640 sarà disponibile a partire da aprile e sarà disponibile nei colori ciano lucido, arancione e bianco e in nero opaco.

CONDIVIDI
Walter De Pace
Sono nato a Milano. Negli anni 80, laureato in filosofia, ho iniziato come copywriter all’Ufficio Pubblicità  di Rizzoli Libri.  Negli anni 90 ho collaborato con l’Europeo  - novità tecnologiche - e successivamente con Brava Casa, Anna, Milleidee e Max. All’inizio del nuovo secolo, addetto stampa alla start up che ha creato RCS WEB, ho continuato  a scrivere su Max,  con contributi al mitico spin off tecnologico Max 2.0 ora da collezionisti. Collaborazione proseguita in Gazzetta dello Sport.it.  Dal 2009 al 2012 ho scritto anche sul  mensile filosofico scientifico KOS. Il mio avatar l’ha  scelto mia figlia Irene, con la quale condivido l’idolatria per Bob Dylan, ma che non sopporta la mia passione per le opere di Mozart.