Scorsese sfida Tyson. Anzi, Foxx

39
0
Jamie Foxx con il tatuaggio di Tyson in un fotomontaggio di Starcasm.net

Martin Scorsese risale sul ring. A  trentacinque anni  da Toro Scatenato dove un superbo De Niro portò in scena la biografia del pugile  Jake LaMotta, il regista newyorkese  decide di trattare la storia di un altro pugile tanto grande tra le corde quanto problematico e tormentato nella vita privata: Mike Tyson. La notizia non è freschissima: è dal 2009 che circola voce di un film su Tyson, ma ora la Paramount pare intenzionata a dare il via al progetto,  di cui ovviamente non ci sono ancora date ufficiali. A interpretate “Iron Mike” sarà Jamie Foxx, il quale ha già esperienze sia nel genere biopic (premio Oscar per Ray), sia in ruoli legati al mondo del pugilato ( in Alì ha interpretato Dwight Brown, il coach del pugile). Scorsese ha  rivelato che per permettere a Foxx di impersonare Tyson in tutte le fasi della sua vita verrà utilizzata la stessa tecnologia di effetti speciali adoperata da Fincher  per Il curioso caso di Benjamin Button, raggiungendo così una notevole somiglianza fisica tra l’attore e il pugile.  Grazie a questa tecnica Foxx darà vita a tutte le sfumature di questa controversa icona del pugilato mondiale: dal ring alla galera (6 anni per stupro), dalla tragica morte della figlia (strozzata da una corda della palestra casalinga),  all’uso di droghe fino alla perdita di tutti i suoi beni. Sulla sceneggiatura è ak lavoro Terence Winter, già al fianco di Scorsese per The Wolf of Wall Street e alcuni episodi della serie Boardwalk Empire.
Scorsese al momento è impegnato sul set del film Silence, adattamento  dell’omonimo romanzo del giapponese Shūsaku Endō. Un progetto sul quale medita da circa vent’anni e che probabilmente vedrà la luce nel 2016.  Non è ancora ora quindi di indossare i guantoni ma l’opera su Tyson si candida comee uno dei film più attesi del futuro prossimo…

 

 

CONDIVIDI
Simone De Vita
Nasce nel lodigiano nel 1986, ottiene una laurea Magistrale in Lettere Moderne, scienze della letteratura, teatro e cinema. Scrive racconti, poesie, canzoni, e cerca di farlo con uno stile proprio... Perché come disse lo zio Buk , "Lo stile è una risposta a tutto."