Festival, spiagge e dj set: è la primavera del clubbing

46
0

La primavera del clubbing italiano sta per sbocciare. Dopo un inverno piuttosto sonnacchioso, le novità sono tante e di diverso genere. A Gallipoli (LE), vero epicentro della nightlife più scatenata e non solo, il Samsara Beach inaugura la sua stagione molto presto, il 29 marzo. Ogni domenica pomeriggio fino a settembre inoltrato si balla forte in spiaggia con musica easy e/o house e dj di qualità come Danilo Seclì, Marco Santoro, Andrea Maggino. Il 6 aprile come guest c’è Ben Dj. Si succedono anche molti festival perfetti per chi ama le sonorità chic. A Milano dal 14 al 19 aprile c’è il Design Week Festival. Al mixer dei locali milanesi e del Teatro Franco Parenti si succedono star e sofisticati protagonisti della scena mondiale, tra cui Benassi vs Cerrone al Fabrique, Gui Boratto, Solumun, Dixon. Sempre a Milano, l’1 maggio, sembra molto interessante il programma di Social Music City, al Factory. In console tra gli altri Maceo Plex, Tale Of Us e Dj Koze.  A Roma, dal 14 al 16 maggio c’è lo Spring Attitude Festival, con dj di culto come SBTRKT, Apparat, John Talabot, Shigeto, Redinho e Yakamoto Kotzuga. A Venezia invece prima, dopo o al posto de La Biennale, dal 4 al 7 giugno, c’è More Festival, all’isola di San Servolo e in altre isole della laguna. Tra gli artisti in console, un techno mito come Âme (nella foto).

CONDIVIDI
Giornalista & comunicatore (o viceversa), Lorenzo Tiezzi sta online più o meno tutto il giorno. Il sito della sua agenzia è www.lorenzotiezzi.it, il suo clubbing blog AllaDiscoteca.com. All'attività di comunicatore affianca quella di giornalista freelance. Scrive di tendenze, musica, nightlife, ovvero, riassumendo all’osso, di amenità. Fiorentino, classe ‘72, si è laureato in Dams Musica nel 1996. Prima di dedicarsi a giornalismo e comunicazione ha lavorato in tv come coautore e curatore (Tmc2, Mtv) e in teatro come direttore di palco. Appassionato di arte, vino e sport, nel novembre 2013 ha corso la sua prima maratona e punta tutto su un tempo improbabile (3h e 30’’).