La Ninna Nanna di Palahniuk ucciderà al cinema

17
0

Il binomio Chuck Palahniuk-cinema è pronto per un nuovo capitolo, dopo Fight Club di Fincher e Soffocare di Clark Gregg, nel quale spiccava un ispiratissimo Sam Rockwell, è il turno di Ninna Nanna, romanzo edito nel 2002, dove l’autore miscela come sempre tinte dark e cinico humor.
Ninna Nanna narra di un giornalista che, nel corso di un’inchiesta sulla sindrome della morte improvvisa di alcuni neonati, scopre che a causare i decessi è una ninna nanna africana contenuta in un libro (vogliamo trovare qualche analogia con il VHS maledetto di The Ring?). Diventato a sua volta serial killer, dopo la lettura della ninna nanna, il giornalista farà squadra con un’agente immobiliare per distruggere tutte le copie del libro che contengono la filastrocca.
A portare l’opera sul grande schermo saranno i registi indipendenti Andy Mingo e Josh Leake che in passato hanno già collaborato con lo scrittore per un cortometraggio. Lo stesso Palahniuk potrebbe intervenire in qualità di co-sceneggiatore insieme a Mingo. Le riprese dovrebbero cominciare a inizio 2016.
È di qualche tempo fa invece la notizia che James Franco ha acquistato i diritti di Rabbia uno dei romanzi più ‘ostici’ di Palahniuk. Il libro è un romanzo a metà tra la fantascienza e l’avventura, sempre a tinte scure:  è la biografia orale di Buster Casey, narrata attraverso i ricordi di amici, nemici, o persone semplicemente incontrate nella vita. Casey si trasferisce dalla provincia alla metropoli dopo aver infettato di rabbia molti partner sessuali. Iniziano così i racconti che includono viaggi temporali e manipolazioni genetiche…
Palahniuk si muove sempre in una surreale commistione di generi che trovano nel cinema un habitat ideale.

CONDIVIDI
Simone De Vita
Nasce nel lodigiano nel 1986, ottiene una laurea Magistrale in Lettere Moderne, scienze della letteratura, teatro e cinema. Scrive racconti, poesie, canzoni, e cerca di farlo con uno stile proprio... Perché come disse lo zio Buk , "Lo stile è una risposta a tutto."