Kenny Wayne Sheperd ripropone il blues dei miti

119
4

Presto tornerà live in Italia il bluesman americano Kenny Wayne Shepherd che, il 26 aprile al Bloom di Mezzago (MB) e il 27 al Planet di Roma, presenterà in concerto il suo settimo lavoro Goin’ home.
Shepherd sarà accompagnato dalla una superband composta da Noah Hunt (voce), Chris Layton (batterista, già a fianco di Stevie Ray Vaughan e Double Trouble), Tony Franklin (bassista, ex componente del supergruppo The Firm) e Riley Osbourn (tastierista, ex collaboratore di Willie Nelson).
L’album Goin’ home, uscito a maggio, è una panoramica di tutta musica che negli anni ha influenzato il bluesman, contiene infatti le cover di artisti come B.B. King, Albert King, Bo Diddley, Stevie Ray Vaughan, Johnny “Guitar” Watson, Lee Dorsey e altri ancora. Per impreziosire il suo progetto, Shepherd ha coinvolto numerosi ospiti, tra cui alcuni suoi cari amici come Ringo Starr, Joe Walsh e Warren Haynes.
Originario della Louisiana, Kenny Wayne all’età di 7 anni scopre la musica di Stevie Ray Vaughan e sostituisce la chitarra di plastica con cui giocava fin da piccolo con una Yamaha da pochi dollari su cui inizia a esercitarsi da autodidatta. Dimostra di avere una certa costanza e uno spiccato talento, tanto che a 13 anni viene invitato a esibirsi sul palco dal musicista blues Bryan Lee. Da lì a poco inizia a suonare in vari festival, facendosi notare da Irving Azoff, capo della Giant Records, che gli offre un contratto.
A partire dal 1995 Shepherd pubblica 7 singoli che entrano nella Top 10 americana, ottiene 5 nomination ai Grammy Awards e si aggiudica due Billboard Music Awards, due Blues Music Awards e due Orville H. Gibson Awards. Nel 2007 esce l’acclamato 10 days out: Blues from the backroads, un Cd e un Dvd che documentano un lungo viaggio attraverso l’America per incontrare leggendari bluesman come B.B. King, Clarence “Gatemouth” Brown e Cootie Shark. Il lavoro ottiene due nomination ai Grammy Awards e un disco di platino. A dare ulteriore conferma del suo talento ci pensa il noto marchio di chitarre Fender, che nel 2008 lancia la Kenny Wayne Shepherd Signature Series Stratocaster, un modello progettato dallo stesso Shepherd.

 

CONDIVIDI
Redazione
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).
  • Guido Elmi

    Il mio amico Tony Franklin fa parte della band. Grande! Ha introdotto l’uso del basso fretless nell’ Hard and Heavy. Componente dei Blue Murder (John Sykes e Carmine Appice) e dei The Firm (Jimmy Page e Paul Rodgers) ha suonato con tantissimi nomi internazionali e anche in tre album da me prodotti. Si è esibito con Vasco al Primo Maggio di qualche anno fa. 26 e 27 di gennaio?

    • 26 e 27 di aprile!

    • Guido ciao vienici a trovare ai concerti ciao claudio

      • Guido Elmi

        Ciao Claudio… Ti seguo… E se capita qualche nome sulle mie corde verrò senz’altro… buon lavoro!