Una città in jazz: Ravenna propone il 42° festival

Dal 2 all’11 maggio prossimi il Ravenna Jazz 2015 riempirà la città non solo di concerti nei teatri, ma anche di seminari, attività didattiche e di approfondimento, esibizioni nei pub, nei caffè e persino su un palco galleggiante nella darsena.

39
0

Comune, regione, una banca, due ministeri e persino la SIAE offrono contributi e patrocinio alla prossima 42esima edizione dello storico Ravenna Jazz, che sarà incentrato sulla vocalità per quanto riguarda i concerti principali, ma che in più si articolerà in mille altre formulazioni e proposte. Per la città romagnola si prospettano, dal 2 all’11 maggio, dieci giorni di full immersion nella musica afroamericana, spesso gratuitamente e comunque a prezzi sempre accessibili. Infatti, oltre ai tradizionali appuntamenti al teatro Alighieri, si potrà ascoltare jazz in vari locali della città e dei dintorni (il Mama’s Club, il Teatro Socjale di Piangipane, il Cisim di Lido Adriano), compresi i caffè e i pub impegnati nei pomeridiani “Aperitifs”.

Ma veniamo agli appuntamenti. Prima quelli serali all’Alighieri. La voce notissima di Dee Dee Bridgewater, affiancata da quella della figlia China Moses e da un quintetto con il trombettista Irvin Mayfield, aprirà il 2 con un repertorio vario e transgenerazionale dedicato a New Orleans. Altrettanto nota e altrettanto “diva”, Dianne Reeves presenterà il suo recente album Beautiful Life venerdì 8: non aspettatevi sorprese, solo molta piacevolezza. Idem il giorno successivo con il sestetto latin jazz del trombettista Arturo Sandoval.

annie whitehead l’eccellente omaggio alla musica di Robert Wyatt, che giovedì 7 la trombonista inglese Annie Whitehead proporrà in esclusiva italiana, conducendo un ottimo ensemble e le cantanti Cristina Donà, Sarah Jane Morris e Jennifer Maidman.

Molto particolari e diversificate le offerte nei club, anch’esse serali. Deliziose le Blue Dolls, che porteranno lo swing all’italiana a Piangipane domenica 3 maggio. Di grande impatto si preannuncia poi, sempre al Socjale, la chiusura esclusiva con l’inafferrabile cantante franco-africana Mina Agossi, che è stata definita la Jimi Hendrix della voce, sempre a cavallo tra i generi, grazie a un indiscusso talento e un imprevedibile e palpitante impatto scenico.

Da segnalare ancora l’omaggio elettronico al capolavoro coltraniano A Love Supreme a opera del sassofonista Francesco Bearzatti e del mago digitale martux_m il 4 a Lido Adriano; il jazz mainstream del sassofonista Alessandro Scala e del trombettista Flavio Boltro (mercoledì 6 al Mama’s Club); i 250 studenti ravennati del “Pazzi di Jazz” Young Project, orchestra, percussioni e cori, diretti da Tommaso Vittorini, Ambrogio Sparagna e Alien Dee, con l’aggiunta di Paolo Fresu alla tromba, il 5 alla Darsena.

Dee Dee Bridgewater e China Moses  (BestImage)A tutto questo si sommano i tre seminari sull’improvvisazione strumentale (tenuti da Boltro e Bearzatti) e sull’uso percussivo del corpo (da Alien Dee) e i concerti in solitaria delle 18.30 a ingresso gratuito, nei locali più alla moda del centro cittadino: i fiati corposi di Marcello “Jandu” Detti, le percussioni esotiche di Marco Zanotti, la varietà world di Alfredo Nuti Dal Portone, il cantautore e chitarrista Andrea Grossi, il piano iconoclasta di Giacomo Toni, le tastiere e il violino di Dimitri Sillato, le percussioni e l’elettronica di Bubi Staffa, le mille chitarre di Antonio Gramentieri, l’ukulele swingante di Christian Lisi e la fisa e le tastiere di Enrico Pelliconi.

Una programmazione articolata e molto interessante, che sa alternare momenti di consolidata attrattiva a proposte coraggiose, dare attenzione alla divulgazione e alla partecipazione, offrire visibilità a musicisti del territorio. Un esempio da seguire, che consolida un’esperienza festivaliera pluridecennale.

CONDIVIDI
Raffaello Carabini
Che dire? Basta citare la cura di oltre 250 cd compilation di new age, jazz, world e quant’altro? Bastano una ventina d’anni di direzione artistica dell’Etnofestival di San Marino? Bastano i dieci come direttore responsabile di Jazz Magazine, Acid Jazz, New Age Music & New Sounds, Etnica & World Music? Oppure, e magari meglio, è sufficiente informare che sono simpatico, tollerante, intelligente... Con quella punta di modestia, che non guasta mai.