Se Dio vuole. Il chirurgo e il prete

32
0

Strano incontro quello di Se Dio vuole. Il cardiochirurgo Tommaso di Marco Giallini ha una relazione “tecnica” con la vita di famiglia e con la sala operatoria: efficienza, indifferenza, un vago ironico cinismo. Ha una moglie coi soliti rapporti al limite del niente e due figli: una figlia scombiccherata che gli chiede di non raccontarle “il finale” di Gesù di Nazareth di Zeffirelli e un figlio futuro medico, che però comincia a comportarsi in maniera strana. Quando il nostro chirurgo è quasi convinto di avere un figlio gay, ecco la rivelazione. Vuole fare il prete. Lo scandalo.  Peril chirurgo è come se il figlio avesse detto “arrotino o  zampognaro”… La colpa è tutta del don Pietro di Alessandro Gassman, prete moderno, capace di sedurre con la predicazione simpatica e  con tutti i luoghi comuni che si vorrebbero in un prete moderno dal passato “strano”. Per cui il cardiochirurgo attua un piano per sputtanare il prete. Che è poi l’assunto di Se Dio vuole, o forse una delle vie del Signore, come ogni tanto si ripete nell’opera prima di Edoardo Falcone fino ad oggi sceneggiatore (Nessuno mi può giudicare, Viva l’Italia, Confusi e felici)

CONDIVIDI
Redazione
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).