Short Skin. In punta di sesso

I dolori del giovane Edo. Un prepuzio tra emozioni ed erezioni

93
0

Short Skin
di Duccio Chiarini con Matteo Creatini, Francesca Agostini, Nicola Nocchi, Miriana Raschillà, Bianca Ceravolo
Voto 7

Edoardo, 17 anni, passa l’estate sul mare toscano. Non è proprio sapore di mare. Ha un’amica del cuore che gli piace, ma piace a un’altra e l’altra non la vede. Solita storia. Ha un amico del cuore che parla solo di sesso, ma è così ossessionato a farlo che va in bianco. Solita storia. Edoardo in bianco non andrebbe, anzi avrebbe con fortuna e naturalezza proprio la ragazza dei suoi sogni, se non fosse che il suo prepuzio lo tradisce. Non è la solita storia, o comunque ne parlano pochi. Fimosi. Un pezzetto di pelle (short skin) troppo stretta in punta di glande per non provare dolore durante l’erezione (il sottotitolo, esatto e goethiano, dice I dolori del giovane Edo). Basterebbe un taglietto, un’operazione da poco. Ma ci vuole coraggio. Poi tutto funziona, ma funziona soprattutto la determinazione per fare il passo dall’essere ragazzi al prendere qualche decisione in più. Intorno, ovattato, un po’ buffo e un po’ fastidioso, il mondo dei ragazzi e delle ragazze diventati adulti fuori (i padri e le madri) sempre alla prese con gli stessi problemi di sesso e sentimenti. Papà ci ha provato fuori dal matrimonio e ora se ne pente. Mamma sta male. Persino la sorella ha problemi a fare accoppiare il cane. E il nostro eroe, oltre ad avere esperienze tragicomiche, si lancia ad emulare il Lamento di Portnoy di Roth. Portnoy usava un fegato, Edoardo, da buon italiano, si affida alla dieta mediterranea… L’opera prima di Duccio Chiarini, scritta mentre studiava alla London Film School,  prodotta attraverso Biennale Cinema- College, battezzata e premiata a Venezia 2014 e nominata all’ultima Berlinale, nelle intenzioni sarebbe “un American Pie raccontato da Rohmer”. Ci sta. È matta, tenera e snella. L’ispirazione sarebbe venuta leggendo LMVDM (La mia vita disegnata male ) di Gipi, che ha disegnato anche il manifesto del film.

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori