La top ten e la flop ten delle canzoni di Vasco

2070
0

La mia canzone di Vasco preferita? Quella che invece non mi piace? Quante volte mi sono sentito fare queste domande… Anni fa stilai una classifica dalla prima all’ultima posizione, di tutte le canzoni di Rossi! Era appena uscito Vivere o niente… La classifica completa ve la risparmio, mi limito alla top ten ed alla flop ten. In altri termini, le dieci preferite e le dieci che mi piacciono di meno. Si apra il dibattito.

FLOP TEN

10) Aspettami: La frase “affondo le mie labbra in una coppa di gelato” non ci voleva proprio.

9) Marea: Ipnotica. Pure troppo.

8) Bolle di sapone: In realtà mi è anche simpatica, sono proprio le bolle di sapone che non sopporto. Bing.

7) Valium: Ipnotica. Ancora più di Marea.

6) Quel vestito semplice: Tunz tunz tunz tunz.

5) Le cose che non dici: Era meglio continuare a non dirle.

4) Sto pensando a te: Soft. Pure troppo.

3) Dimenticarsi: Ho seguito il consiglio alla lettera. L’ho dimenticata.

2) Io ti accontento: Parafrasando Nanni Moretti, “no, il pezzo rap no!

1) Accidenti come sei bella: “Sei proprio carina davvero“. Devo aggiungere altro?

TOP TEN

10) Sally: A livello di testo, forse il più bello in assoluto. L’unico che può vivere senza musica.

9) Gli angeli: L’intensità fatta canzone, con il bonus dello splendido assolo finale.

8) Albachiara: La cosa incredibile di questa canzone è che a distanza di 36 anni suona ancora freschissima.

7) Canzone: Quando musica, parole ed arrangiamento sfiorano la perfezione.

6) Anima fragile: Dopo due milioni di ascolti mi commuove ancora, la voce di Vasco in questo caso fa la differenza.

5) …Stupendo: Un capolavoro, non c’è altro modo per definirla. E’ tutto chiaro così.

4) Ogni volta: Un’altra che è sempre una pugnalata nel cuore. La vita in musica.

3) Vivere: Musica bellissima, testo ispirato, interpretazione perfetta. Malinconica e nello stesso tempo liberatoria.

2) Liberi… liberi: La canzone della maturità e della disillusione. Peccato che sia così poco presente nei tour.

1) Vita spericolata: La genesi di questa canzone è stata raccontata più volte, ma le congiunzioni astrali che hanno partorito questo capolavoro in musica restano un mistero. Dall’arpeggio iniziale all’esplosione finale, non c’è una virgola (o una nota) fuori posto.

 

CONDIVIDI
Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.