Quel sessista miliardario di Joss Whedon

14
0
Joss Whedon, Stark col martello di Thor, la Vedova Nera

Joss Whedon, il regista che con Avengers – Age of Ultron sta facendo fare alla Marvel incassi che potrebbero bagnare il naso ad Avatar (oltre il miliardo di dollari…)non solo ha rivelato di essere entrato in crisi dopo un conflitto con la Marvel per alcune scelte dei manager che volevano cambiare il montaggio (salvo poi fare marcia indietro dopo i primi test di pubblico), ma è anche stato attaccato dalle femministe per due battute del film, al punto che ha dovuto cancellare il suo account Twitter da un milione di follower per smettere di essere perseguitato dalle critiche (cioè, dagli insulti). Le due parti incriminate sono una battuta che fa il solito Tony Stark quando gli Avengers si sfidano a sollevare il martello di Thor: dice che se riuscirà a governare Asgaard ripristinerà  lo Ius Primae Noctis (un diritto che i signori feudali si arrogavano di passare la prima notte di nozze con le spose dei sudditi). A battuta demenziale, critica demenziale, ma ci potrebbe stare. Il fatto è Whedon è stato aggredito perché la Vedova Nera (Scarlett Johansson) a un certo punto rivela che il suo addestramento di superspia sovietica prevedeva anche la sterilizzazione. Per cui il fatto di non poter avere bambini la fa sentire triste e fuori posto. Lo dice per consolare Hulk che in ogni film si lamenta di diventare un mostro… L’attacco è stato lanciato al grido di “Pezzo di merda! Hai trasformato una persona che non può avere figli in un mostro!”.  Niente male per un regista che, dopo  Buffy l’Ammazzavampiri, aveva la nomea di femminista e sostenitore di un’idea aggressiva dei personaggi femminili. Eccoli.

CONDIVIDI
Redazione
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).