Scaletta: le canzoni che vorrei e quelle no

261
0

Giorni di prove a Castellaneta, a breve inizieranno ad uscire indiscrezioni assortite ed avremo le prime anticipazioni sulla scaletta. Voi cosa sognate? Io dico la mia, sperando nessuno se ne abbia a male.

Del nuovo disco mi aspetto 8/9 pezzi. Rischiando, potrei azzardare: Sono innocente ma…, Duro incontro, Come vorrei, Guai, Lo vedi, Dannate nuvole, Il blues della chitarra sola e Quante volte. Sono otto. A me piacerebbe anche Marta piange ancora, ma credo che sia molto difficile, temo la mia sia una posizione minoritaria.

Classici, quelli che devono sempre esserci a mio avviso sono tre: Siamo solo noi, Vita spericolata ed Albachiara. Ci sono poi altri classici, canzoni bellissime, che adoro, ma che sono sempre (o quasi) presenti e che potrebbero anche saltare un turno. Ne dico sei: Gli spari sopra, C’è chi dice no, Stupendo, Sally, Un senso, Siamo soli. Mica dico di toglierle tutte, capisco bene che c’è una fetta importante di pubblico che vuole sentire queste canzoni. E’ giusto. Lasciarne due o tre per fare spazio ad altre?

Ci sono poi due canzoni che invece davvero penso possano uscire di scaletta per una volta senza troppi rimpianti: mi riferisco a Come stai e Rewind, contro le quali non ho nulla, ma che sono state troppo “sfruttate” in questi anni. Ripensando al concerto dello scorso anno sarebbe invece bello se rimanesse Liberi… liberi: è un capolavoro, è un classico della discografia di Vasco, mancava in scaletta da una vita, perché non confermarla anche quest’anno?

Resterebbe circa metà scaletta da completare e non c’è che l’imbarazzo della scelta. In ordine cronologico, se pescasse fra queste sarei felicissimo: Jenny è pazza, Silvia, Colpa d’Alfredo, Anima fragile, Brava, Ogni volta, Vado al massimo (ma perché non la fa mai??), Canzone, La noia, Una canzone per te, Va bene, va bene così, Cosa succede in città, Ti taglio la gola, T’immagini, Dormi dormi, Vivere una favola, Ciao, Lunedì, Ormai è tardi, Vivere senza te, Tango della gelosia, Guarda dove vai, Hai ragione tu (magari in un medley, come omaggio non dichiarato a Pino Daniele), Gli angeli, L’una per te, Io no (!), Il mondo che vorrei (!), E adesso che tocca a me, Vivere o niente (!), Eh..già.

Ecco, questi sono i miei desideri. E i vostri?

CONDIVIDI
Marco Pagliettini
Nato a Lavagna (GE) il 26 luglio 1970, nel giorno in cui si sposano Albano e Romina, dopo un diploma in ragioneria ed una laurea in economia e commercio, inizio una brillante (si fa per dire) carriera come assistente amministrativo nelle segreterie scolastiche della provincia di Genova e, contemporaneamente, divorato dalla passione del giornalismo, porto avanti una lunga collaborazione con l’emittente chiavarese Radio Aldebaran e il quotidiano genovese Corriere Mercantile. Dal 2008 curo il blog Atuttovasco.