Rodriguez infiamma Milano

25
0

Un tuffo nel passato che avremmo potuto avere e invece non c’è stato. Il concerto di Rodriguez al Teatro degli Arcimboldi di ieri sera è stato questo e molto altro. Come nel documentario vincitore del premio Oscar 2013, Searching for Sugar Man, Rodriguez appare proprio come quel timido personaggio consegnatoci dal regista Malik Bendjelloul di cui abbiamo parlato anche qui.
Ancora più devastato da una vita durissima ma serena, entra sul palco accompagnato – probabilmente per problemi di vista – da una delle due figlie che lo seguono nella tournée europea già sold out a Londra e Zurigo. Ma appena inizia a cantare la sua voce è limpida, ancora giovane, dolce come il miele. Alterna pezzi tratti dai suoi unici due CD (Cold Fact e Coming From Reality) ad altri come Blue suede shoes e La Bamba, ma cantati a modo suo. Il pubblico è caldissimo (compresi Aldo e Giovanni del trio Aldo, Giovanni e Giacomo) e Rodriguez apprezza. Canta tutti i suoi pezzi più belli: I Wonder, Sugar Man, la struggente Crucify your Mind… Anche la band, dopo qualche lieve incertezza iniziale comincia a ingranare, ma basterebbe solo lui, con la sua chitarra, il cappello a cilindro e gli occhiali scuri a infiammare il pubblico e toccarlo nel profondo del cuore. Commovente l’omaggio all’appena scomparso B.B. King con The Thrill is Gone e la corerenza del suo saluto: un “Power to the People” che ci catapulta nella notte di Milano inondata da un acquazzone.
Se l’avete perso, potete (e dovete) rimediare con le ultime due date in Italia: il 20 maggio al Gran Teatro di Roma, e il 23 maggio al Teatro Verdi di Firenze.

CONDIVIDI
Davide Lopopolo
Diplomato al Liceo Artistico di Milano nel 1980, avrei sempre voluto fare l’artista. Ma, visto che si deve anche mangiare, mi sono inventato grafico editoriale e pioniere dei primi sistemi di impaginazione Apple, scoprendo un nuovo amore. Mi è andata bene, ho collaborato con le maggiori case editrici italiane e ora sono un art director sul libero mercato. Però il primo amore non si scorda mai, così sogno ancora di diventare un artista...