Ted 2. Sempre di peluche

Il ritorno dell'orsetto drogato sboccato e politicamente scorretto. Ma sempre di peluche

55
0

Ted 2
Un film di Seth MacFarlane. Con Liam Neeson, Mark Wahlberg, Amanda Seyfried, Morgan Freeman, Seth MacFarlane
Voto 6

L’idea di Seth McFarlane (ideatore dei politicamente scorretti, ma mica tanto, Griffin) è stata  di prendere il tenero orso di peluche dell’infanzia (teddy bear, da cui Ted), portarlo in vita per desiderio d’amore del bambino a cui era stato regalato e farne uno sboccatone volgare sempre strafatto e politicamente scorretto che diventa il migliore amico del Peter Pan di periferia Mark Wahlberg. Capitolo primo, montagne di soldi. In Ted 2 l’orsacchiotto si sposa la stravaccata della porta accanto e il matrimonio diventa quasi subito un lancio di piatti tra poveri. A meno che non facciano un figlio. Già: ma Ted non ha sesso e quindi ci vuole l’inseminazione artificiale, ma il governo alza le orecchie e si ricorda che Ted giuridicamente è un orso di peluche che ha preso vita, quindi un “bene” (un oggetto, una proprietà) e non una persona. Perdita dei diritti civili (del lavoro, eccetera) e ricerca di un avvocato che lo difenda come nel passato vennero difesi gli schiavi (per portarli dallo status di “beni” a quello di uomini liberi). Il tutto mentre il frustrato Giovanni Ribisi del primo film torna alla carica per vivisezionare Ted e scoprire il segreto per fare di ogni peluche un amico vivo. La metafora è chiara: Ted sta dalla parte della maggioranza oppressa ma genuina. Il film è strapieno di citazioni pop e di comparsate famose. Sulla superficie di impresentabilità (parolacce, volgarità, droga, riferimenti sessuali e razzismi tra poveri), fatta su misura per allertare i benpensanti, affiora uno stagno di melassa sentimentale  con il messaggio che l’amore rende il tuo status umano. Se c’è una cosa peggiore di un film politicamente corretto è un film conservatore travestito  da peluche politicamente scorretto. Un sequel poi…

 

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori