Macbeth di Polanski. Restaurato, bello e terribile

La vita una favola, narrata da un idiota, piena di rumore e di furia, che non significa niente

54
0

Macbeth
di Roman Polanski.
John Finch, Francesca Annis, Martin Shaw, Terence Bayler.
Voto 8

Attenti a quel che desiderate: potrebbe realizzarsi. La storia è quella di Shakespeare, il regista è Polanski.  L’anno il 1971. Andiamo tranquilli? La musica onnipresente in ogni piega della pellicola è della Third Ear Band, e credo sia un ottimo motivo per vedere o rivedere questo film. Third Ear Band era un gruppo rock (diciamo così) psichedelico fondato nel 67 da un percussionista, un oboista, una violoncellista e un violinista. Facevano musica davvero diversa (ai tempi si diceva underground, oggi sarebbe imparentata alle avanguardie della classica). Non è la solita colonna sonora che coccola o accompagna le immagini, non è la colonna sonora del cinema classico che enfatizzava: è una sorta di percorso parallelo, aspro, a questa storia di vassallo barbaro che, ubriaco d’ambizione dopo l’ultima vittoria, decide di prendere il posto del suo re (uccidendolo nel sonno) dopo una profezia di streghe che sembrano uscire da Goya, con l’aiuto dell’ambizione mostruosa della moglie. Macbeth di per sè è il dramma del desiderio di potere e qui anche un horror: Macbeth uccide il sonno, può essere fermato solo da un-non-nato-da-donna, la sua complice non riesce a lavarsi il sangue dalle mani, fantasmi che prefigurano zombie lo perseguitano, il suo regno finirà quando una foresta marcerà contro di lui. Sembrano tutti indovinelli diabolici che hanno spiegazioni molto realistiche. Cioè il crinale su cui l’ambiguità di Polanski si muove bene, tra sangue e vuoto. Anzi più che un horror è una favola, narrata da un idiota, piena di rumore e di furia, che non significa niente. Parola di Macbeth, parola di Shakespeare, restaurato dalla Cineteca di Bologna.

Ecco il trailer inglese del 1971

 

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori