Francesco Pannofino ci racconta “Io vendo le emozioni”: videointervista

145
0

Mercoledì 1 luglio Francesco Pannofino esordirà anche nell’inedito ruolo di cantautore, anzi cantattore, come ama definirsi, e lo farà col suo primo disco Io vendo le emozioni (qui la nostra recensione), album che riprende il tema del teatro-canzone ideato da Gaber negli anni settanta.
Per accompagnare l’uscita dell’album il giorno successivo, giovedì 2 giugno, ci sarà un concerto a Roma ad Eutropia, dove Pannofino salirà sul una band di ben 10 elementi, ovvero i No gospel capitanati da Lino Rufo e dove, oltre a tutte le dodici canzoni del proprio disco, Pannofino eseguirà brani di Jannacci, Gaber, Baccini e Ruggeri, che sarà anche ospite speciale della serata. Ci sarà spazio anche per un tributo ai Blues Brothers, oltre ad altre idee e gag che sorprenderanno il pubblico.
Noi lo abbiamo incontrato nella sala prove dove, insieme alla sua band, sta ultimando di curare tutti i dettagli musicali del suo spettacolo e ne è uscita fuori un’intervista dove ci racconta la nascita e la storia dietro l’album e alcune delle canzoni che ne fanno parte, compresa la testimonianza oculare del rapimento Moro raccontata in Sequestro di stato, fino ai prossimi impegni cinematografici e qualche anticipazione sulla possibilità che si faccia Boris 4.
Buona visione!

CONDIVIDI
Andrea Giovannetti
Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".