Stasera a Roma il balletto “Certe notti”, con musiche di Ligabue

30
0

Stasera, nella cornice del Teatro di Villa Pamphilj (via di San Pancrazio, 10), andrà in scena Certe notti, spettacolo di balletto con musiche e poesie di Ligabue, proposto dalla compagnia Aterballetto, nell’ambito della rassegna Invito alla danza.
Il coreografo Mauro Bigonzetti racconta così la nascita del progetto: “L’incontro con Luciano è stata una di quelle strane alchimie alle quali non si sa dare una spiegazione: sarà la sua straordinaria immediatezza, la sua semplicità nei rapporti con gli altri tipica dei grandi artisti,  ma da subito si è creato un forte legame. Siamo della stessa generazione, abbiamo vissuto gli stessi anni e le energie di quegli anni ci hanno segnato profondamente. È la curiosità a dar forza ai nostri animi e così ci siamo trovati a guardare uno nell’opera dell’altro e a capire che ne poteva nascere un’opera unica. Sinceramente trovo molto affascinante e curioso che saranno dei danzatori appartenenti ad un’altra generazione, che è la stessa che più di ogni altra scolta la musica, a dare letteralmente forma a questo incontro”.
Nasce così la coreografia di Certe notti: un cammino attraverso la notte intesa non come un’oscurità reale e mentale, ma come rigeneratrice di una realtà intima personale, come il buio che precede l’apertura di un sipario, momento magico che ci sospende e ci spinge entro il luogo in cui il reale ed il consueto si trasformano. Nello spettacolo si fondono danza, musica, poesia e proiezioni video.
Ad accompagnare le coreografie non ci saranno solo le canzoni di Ligabue, ma anche alcuni dialoghi tratti dal film Radiofreccia ed alcune poesie tratte dal libro Lettere d’amore nel frigo.
Lo spettacolo avrà inizio alle ore 21.30 ed i biglietti si potranno acquistare direttamente presso il botteghino del teatro al prezzo di 20 € per il primo settore e 18 € per il secondo.

CONDIVIDI
Andrea Giovannetti
Nato a Roma nel 1984, ma vivo a Venezia per lavoro. Musicista e cantante per passione e per diletto, completamente autodidatta, mi rilasso suonando la chitarra e la batteria. Nel tempo libero ascolto tanta musica e cerco di vedere quanti più concerti possibili, perchè sono convinto che la musica dal vivo abbia tutto un altro sapore. Mi piace viaggiare, e per dirla con le parole di Nietzsche (che dice? boh!): "Senza musica la vita sarebbe un errore".