Locarno. Bella e perduta e Cosmos

51
0

Corre per il Pardo d’oro Bella e perduta di Pietro Marcello. Bella e perduta è l’Italia, che nel progetto iniziale doveva essere come quella attraversata da Guido Piovene nel suo Viaggio in Italia, e si è ristretta su una reggia borbonica nella terra dei fuochi. Marcello immagina che su desiderio del pastore (ora morto) che l’accudiva spontaneamente torni sulla terra il servo della commedia all’italiana, Pulcinella, e vada a salvare un bufalo parlante, di nome Sarchiapone, come l’animale inesistente del mitico sketch di Walter Chiari.

cosmos
Andrzeji Zulawki torna vispo come non mai all’antico: Cosmos è una commedia metafisica tratta da un intraducibile (e forse inadattabile) romanzo di Witold Gombrowicz, sul tema di uno studente che per prepararsi a un esame prende casa con un amico in una villa portoghese dove avvengono impiccagioni di uccellini e animali e un vero e proprio massacro linguistico e simbolico attraverso i giochi di parole, i comportamenti, l’attenzione a particolari anatomici devastati o perfetti, i significati allusivi, comici, cosmici o di puro nonsense. Insomma, avanguardia, tra altissimo, bassissimo e incomprensibile in presenza di Sabine Azema, musa di Alain Resnais.

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori