Dove eravamo rimasti. Al rock che salva la vita?

Mamma chitarrista rock separata rientra nella vita dei figli cresciuti col padre

17
0

Dove eravamo rimasti
di Jonathan Demme
con Meryl Streep, Mamie Gummer, Rick Springfield, Kevin Kline, Audra McDonald.
Voto 6+

Mamma Streep di notte suona suona il rock per attempati nostalgici in un povero bar e di giorno è commessa in un supermercato. Una volta aveva una famiglia nucleare, poi esplosa: una figlia ha tentato il suicidio, un figlio le rinfaccia l’abbandono, un altro è gay, l’ex marito ha risposato una signora di colore e vive in una specie di imitazione borghese di una mansion da aristocratico. E lei ha pochi soldi ed è impresentabile in società: mica tutti arriviamo ai settanta come i Rolling Stones. I primi dieci minuti di film sono un enigma tra il kitsch della Streep che canta e suona nel bar e l’indagine di mercato: è possibile che l’indagine di mercato abbia rilevato che il futuro è delle pantere grigie che un tempo ascoltavano o facevano rock?  Oppure ha evidenziato che la Streep in versione cantante (vedi Mamma mia!) funziona e prende pubblico? Molto americano…  Il resto, cioè la musica, nonostante una sfilza di cover da riempire un album, si tiene in piedi per il mestiere di tutti, e Demme è classico e fluido nella regia, fino alla domanda chiave: la madre snaturata e rockettara andrà o no al matrimonio del borghesissimo figlio tra quelli con la puzza sotto il naso? Lì si sfiorano orizzonti tra il melò televisivo più bieco e la teoria un po’ wendersiana “il rock mi ha salvato la vita”. Potete decidere voi: il gran finale tira alla lacrima catartica con sfogo in pista da ballo. A pensarci poi è una variante molto meno intellettuale del libro di nostalgie rockettare di Jennifer Egan Il tempo è un bastardo. E quello è stato premio Pulitzer. Questa storia è ispirata alla vita della suocera di Diablo Cody, sceneggiatrice…

YouTube / SonyPicturesIT – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori