Inside Out. Le personcine dentro

Cosa ci passa per la testa. In animazione

64
0

Inside Out
di Pete Docter e Ronnie del Carmen
Voto 7/8

La rabbia è rossa, la tristezza blu, la paura violetta e il disgusto verdognolo. La gioia armonizza i colori di tutti, è più alta e ha una certa tendenza a dirigere il team. Sono le personcine che abbiamo nel centro di comando, nella testa, e come un team controllano le emozioni della nostra vita. Ce lo spiega Inside Out, nuovo piccolo capolavoro Pixar che racconta dall’interno cosa succede nella testa di Riley, ragazzina in crisi con la famiglia, che mette alla prova tutta le chimica, i ricordi, i sentimenti e le emozioni dei suoi pochi anni (un lavoro mastodontico di collazione e trasformazione dati) mentre si rapporta, si integra si trasforma (e pensa, piange, ride, soffre, ama, ricorda, cambia)  nel mondo che la circonda e l’avvolge in rapporto con le personcine che stanno nella testa degli altri, e con i suoi fantasmi. Processo ovviamente divertentissimo, perché Pete Docter e Ronnie del Carmen hanno trasformato una complicazione radicale in un disegno animato Pixar. Un po’ quello che succedeva nel cervello e nell’organo sessuale in  Tutto quello che avreste voluto sapere sul sesso di Woody Allen, ma in animazione, confrontandosi con le neuroscienze e con la psicoanalisi (in chiave pop, dice Docter), all’altezza dei mezzi Pixar Disney e dopo un lavoro di rifinitura da 150 milioni di dollari in 5 anni, in cui le emozioni studiate da 27 sono state semplificate in 5, sono state -oltre che animate- dotate di un’anima, hollywoodizzate con riferimenti da cinefili (ma se non li riconoscete, non c’è problema: funzionano nell’inconscio). Il film è piacevole, per un lungo tratto sorprendente, persino istruttivo e con un lieve sottofondo di pedanteria: probabilmente vuole mettere alla prova tutte le personcine colorate del nostro cervello.

YouTube / Disney Schweiz – via Iframely

YouTube / Disney IT – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori