Straight Outta Compton. Dal ghetto allo star system

Biografia del gruppo che sdoganò il gangsta rap

13
0
Straight Outta Compton

Straight Outta Compton
di F. Gary Gray
con O’Shea Jackson Jr, Corey Hawkins, Jason Mitchell, Neil Brown Jr, Aldis Hodge.
Voto 6+

Si autobattezzano Niggaz With Attitudes, NWA: negri con attitudine, linguaggio contratto da ghetto: si atteggiano a gangsta, parlano di mitragliette, droga, fottere, puttanelle e polizia da giudicare al tribunale delle gang e lo mettono in rima rap su tracce strumentali. Portano vestiti da gangsta e qualcuno tra loro ha frequentato davvero brutta gente, ma alla fine sono poeti e musicisti che si atteggiano. Questa è la loro storia, partono dal ghetto di Compton (il titolo è dritto fuori da Compton) alla fine degli Ottanta, e dopo i fondatori Eazy E e Dr Dre entrano ed escono, tutti famosissimi, MC Ren, Ice Cube, DJ Yella, The Arabian Prince e The DOC. Strada facendo cantano la durezza del ghetto, le pressioni quotidiane della polizia di Los Angeles, fanno arrabbiare coi loro brani  la polizia e persino l’FBI, forse addirittura incitano alle rivolte in  risposta ai pestaggi della polizia, vivono da cafoni che hanno fatto i soldi e si fanno fottere -per anni- molti più soldi dal solito manager, bianco e ladro. Arrivati a una certa età si sono fatti costruire il film monumento alla memoria,  ben fatto, non c’è che dire, anche se fa sorridere sentire l’incendiario Ice Cube che ha infilato nel film suo figlio a mimare le gesta eroiche di papà e ne parla con tenerezza. La biografia, sospettiamo, forse somiglia più a un loro brano che alla loro vera vita, ma non importa: il problema è che se non ami il genere la lunghezza e la retorica (necessarie ambedue) risultano insopportabili

YouTube / Universal Pictures International Italy – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori