Campovolo 2015: waiting for DVD!

702
0

Capo,

tra speciali sulla Ligastory, su Campovolo 2015 e su di te tout court stiamo attaccati al canale Sky Arte che nemmeno al primo amore! Tutti a registrare, a farsi invitare, perfino ad abbonarsi appositamente! Guarda son sicura che abbiamo contribuito a far alzare le quotazioni delle azioni di Sky per seguirti “Su e giù da un palco”!

Ma che …SpettaKolo, davvero. Che SpettaKolo proprio te, e noi. Rivederti, rivederci, lì, così infiniti, così a perdita d’occhio, come un mare oscuro e lento che si propagava dal palco fino a giù, fino alla fine della pista e fino in piena Reggio e nelle campagne, e sentire ancore quei suoni, riascoltare i battiti, le emozioni… Sentir riaffiorare i ricordi di quei due giorni, e gli amici, e le risate, e il caldo e la sete, tutto di nuovo lì in un lampo.

Beh, grazie. Ci voleva, perché la decantazione di un gran vino richiede tempo e cura, così Campovolo 2015 come grande evento per lasciarsi comprendere davvero ne richiede altrettanta.

Ma adesso… adesso però a questo punto, visto il materiale che tieni, e le chicche che ci propini, dico, adesso, un bel DVD ce lo fai… vero che ce lo fai? Per Natale magari, dai… che così sotto l’albero sappiamo che trovare, far trovare, regalare, ordinare, pretendere, perfino!

Un DVD che riassuma tutto, il prima il durante e magari il dopo, che ci dica come ci sei arrivato…

Metti tanti “dietro le quinte”, dai, tanti fuori onda, che alla fine noi vogliamo essere coinvolti, vedere cosa fai davvero quando noi vederti non possiamo! Facci seguire la strada che ti ha portato lì, a montare su quel palco stratosferico, a cantare per quelle tre ore magiche; dacci le voci delle band, dei tuoi compagni di oggi e di allora, degli amici, di Maio, del back liner, dello staff

Insomma, noi di sognare e di sognarti abbiamo ancora voglia, dacci una mano a sognarti al meglio!

CONDIVIDI
Chimena Palmieri
Sono Chimena Palmieri, classe 1963. Ho un diploma di Ragioneria, una Laurea in Sociologia, un lavoro presso l’Università Politecnica delle Marche. Ho un figlio, Francesco; ho amici, molti interessi e poche passioni. Sono nata a Castelfidardo, cresciuta a Numana, vivo ad Ancona: tutto in 30 chilometri, perché “Credo che la voglia di scappare da un paese con 20000 abitanti vuol dire che hai voglia di scappare da te stesso e credo che da te stesso non ci scappi neanche se sei Eddie Merx”.