La guerra di Omar Pedrini: l’ex Timoria duetta con gli Stil Novo

123
0

Lo ammetto, mi piacciono quelli che combattono e che si danno da fare, che provano, osano, e che alla fine son pure bravi.

E che ai bolognesi  Stil Novo  piaccia darsi da fare è da sempre cosa nota, e in questo 2015 si è visto forte e chiaro: i loro lavori hanno visto la collaborazione di  personaggi quali Andy dei BluvertigoFederico Poggipollini, e la partecipazione di Anna Falchi nel videoclip del loro brano più conosciuto, Dylan Dog.

Adesso i  due fratelli Viames e Antonio Arcuri, leader della band, hanno coinvolto nell’ultimo lavoro uno degli eroi della loro adolescenza, Omar Pedrini:  e che Omar sia uno che combatte è cosa nota a tutti. Credo che nessuno abbia bisogno di chiedere chi sia Omar Pedrini, ma scriverlo è un tal piacere che facciamo finta che ci sia qualcuno che ancora non lo sappia e diciamo quindi che il cantautore bresciano è stato l’anima dei Timoria, la band che ha guidato l’underground italiano negli anni ’90 e in cui ha militato fino al ’98 la splendida voce di Francesco Renga. Omar ha proseguito la sua avventura con il successo di Sole spento, e poi con il premio della critica a Sanremo nel 2004, presentandosi al Festival da solista. Per lui cominceranno proprio da qui i problemi di cuore che lo costringeranno a difficili interventi e stop forzati: momenti difficili che nonostante tutto lo hanno sempre visto determinato e combattivo, e che gli varranno dai fan l’appellativo di “Il guerriero”.

Finalmente, dopo una fortunatissima spedizione in Inghilterra, circondato da amici come Noel Gallagher e Kelly Jones, Omar Pedrini è tornato alla carica con una rinnovata vena cantautoriale, che gli Stil Novo non si son fatti sfuggire.

Incisioni 1

La guerra è un mestiere è un brano dal testo cinico e durissimo. Racconta di un soldato dalla febbre omicida, che va in guerra con l’intenzione di uccidere più nemici possibili e con l’ambizione di morire come eroe di guerra. Si procede quindi tra citazioni di Morandi e rovesciamento di valori di parole come “missione di pace” e “democrazia”.

Interpretare una canzone come questa è una critica feroce al “marketing della bontà” delle canzoni antimilitariste, e significa mettersi nuovamente in gioco; ascoltatelo e ve ne renderete conto da ciò che sale, parla e trasmette all’ascolto.

Del brano è stato girato un videoclip che sarà visibile dal 20 novembre sul canale youtube degli Stil Novo: ma nell’attesa, sempre su youtube potete andarvi a guardare l’anticipazione pubblicata con gli artisti in studio.

Per tutto il resto, per saperne di più, e per tutto quello che riguarda il chi sono gli Stil Novo, vi invito a visitare il sito ufficiale della Band: un posto dove se ne vedono e se ne sentono delle belle davvero.

CONDIVIDI
Chimena Palmieri
Sono Chimena Palmieri, classe 1963. Ho un diploma di Ragioneria, una Laurea in Sociologia, un lavoro presso l’Università Politecnica delle Marche. Ho un figlio, Francesco; ho amici, molti interessi e poche passioni. Sono nata a Castelfidardo, cresciuta a Numana, vivo ad Ancona: tutto in 30 chilometri, perché “Credo che la voglia di scappare da un paese con 20000 abitanti vuol dire che hai voglia di scappare da te stesso e credo che da te stesso non ci scappi neanche se sei Eddie Merx”.