45 anni. E un fantasma dal ghiaccio

Dopo 45 anni di matrimonio riemerge un amore di gioventù

34
0

45 anni
di Andrew Haigh
con Charlotte Rampling, Tom Courtenay, Geraldine James, Dolly Wells, David Sibley.
Voto 7

Dopo 45 di matrimonio tra Kate e Geoff si intromette un fantasma uscito dal passato: sulle Alpi un ghiacciaio ha restituito il corpo dell’allora fidanzata di Geoff. Il turbamento è comprensibile, e Kate aiuta Geoff ad affrontarlo, ma Geoff cambia: la metafora  del passato sepolto che torna più vivo che mai è evidente, leggera e gestita con cura: una scala che porta in soffitta (dove stanno i ricordi accantonati) sostituisce la salita alla montagna. Ma il pensiero inatteso diventa un tarlo, il tarlo comincia a erodere le fondamenta di un lungo matrimonio: un pensiero contro una vita intera di realtà. Già. Ma cos’è la realtà se non una somma di pensieri accomodati per esistere senza troppo soffrire? Kate scopre che il Geoff che aveva accanto, forse non le era davvero (completamente) accanto. Il film di Haigh, sembra riprendere un frammento (turbativo anche quello) di Cinque giorni un’estate di Zinnemann: lì la visione di una donna ormai vecchia davanti al corpo del giovane fidanzato restituito da un ghiacciaio svizzero dopo una vita intera, turbava il rapporto di una coppia clandestina (lui vecchio, lei giovane) in vacanza. Qui, il fantsma si insedia nelle abitudini dove di fatto era sempre stato. Una bella gara tra Tom Courtenay (era in ritornato in Quartet di Hoffman) e Charlotte Rampling: ambedue Orso d’argento a Berlino.

YouTube / Teodora Film – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori