Attentati a Parigi: la musica risponde

300
0

Due giorni dopo le stragi a Parigi che hanno scosso il mondo, la musica, colpita al cuore, inizia a rispondere.
Se lo slogan lanciato da tutti è quello di non farsi intimorire dagli attentatori, continuando a vivere, questo è il momento del cordoglio ed è giusto che anche la musica si spenga per qualche giorno, stringendosi in un abbraccio intorno alle vittime e ai loro familiari. Per rispetto nei loro confronti e anche per ragioni di sicurezza.
Proprio per questo i Foo Fighters hanno deciso di annullare le ultime quattro date del loro tour europeo, che lunedì avrebbe dovuto fare tappa proprio a Parigi: «E’ con profondo rammarico e sincera preoccupazione per tutti coloro che si trovano a Parigi che siamo costretti ad annunciare la cancellazione del resto del tour», ha dichiarato la band. «Alla luce di questa violenza senza senso, la chiusura delle frontiere e il lutto internazionale, non possiamo continuare in questo momento. Non c’è altro modo per dirlo. Tutto ciò è pazzesco e fa schifo. I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con tutti coloro che sono stati colpiti o che hanno perso una persona cara».
Sempre lunedì e sempre nella capitale francese si sarebbero dovuti esibire anche i Simple Plan, che ovviamente hanno annullato il concerto.
Lo stesso hanno fatto gli U2, attesi ieri e questa sera a Parigi per un concerto all’Accorhotels Arena, «posticipato a tempi più adeguati». Bono Vox e compagni hanno deciso di fare sentire comunque la propria vicinanza ai cittadini parigini, recandosi al Teatro Bataclan per rendere omaggio alle vittime.
Anche i Coldplay hanno preferito rimandare l’anteprima live del loro nuovo album al Belasco Theatre di Los Angeles: «Il nostro live è rimandato nel rispetto dei terribili eventi di Parigi».

Vi lasciamo con il video del musicista di origini italiane Davide Martello, che ha portato il suo pianoforte di fronte al Teatro Bataclan per suonare Imagine, di John Lennon. La sua esibizione è diventata una delle scene – simbolo della volontà dei parigini di rialzarsi in piedi per continuare a vivere.

YouTube / New York Daily News – via Iframely

CONDIVIDI
Laura Berlinghieri
Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe '93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all'Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia.