James Bond e la Giamaica

79
0

Probabilmente i cinefili, in particolare gli amanti di James Bond, mi metteranno alla gogna. Ma io mica lo sapevo che l’agente 007 è nato in Giamaica. Suo “papà”, Ian Fleming, era sbarcato sull’isola per la prima volta nel 1942, quando lavorava per il servizio informazioni della marina militare britannica. Nel 1946 comprò una casa sulla spiaggia di Oracabessa, paesino una ventina di chilometri a est di Ocho Rios, sulla costa settentrionale. A quella residenza dette il nome di Goldeneye, e vi trascorse due mesi all’anno (gennaio e marzo) fino al momento della sua morte (1964). Fu in quella villa che creò il personaggio dell’agente segreto 007. Complessivamente Fleming scrisse undici romanzi e tre raccolte di racconti su James Bond. «Questi libri sarebbero venuti alla luce se non avessi vissuto nel magnifico vuoto di una vacanza giamaicana? Io ne dubito», scrisse in Ian Fleming introduces Jamaica. Nello stesso libro, racconta: «Stavo cercando un nome per il mio eroe – nulla che assomigliasse a Peregrine Carruthers o a Standfast Maltravers – e lo trovai sulla copertina di una delle mie bibbie giamaicane, Birds of the West Indies di James Bond, un classico dell’ornitologia».

Cinque dei suoi 14 libri su James Bond sono ambientati in Giamaica, e l’isola caraibica ha fatto anche da set per alcuni film di 007, contribuendo a far aumentare il flusso turistico. Ricordate la scena di una bellissima Ursula Andress che esce dal mare nel film Dr. No? Le spiagge sono quelle di Ocho Rios e di Laughing Waters, vicino a Kingston. Sempre lo stesso film ha fatto conoscere le meravigliose Dunn’s River Falls: queste cascate formate da gradini calcarei che digradano verso il mare hanno un’acqua fresca e sono coperte da una foresta pluvialeche. Alcuni le considerano le più belle cascate del mondo. Mentre la “tana del cattivo” di Vivi e lascia morire è ambientata nelle Green Grotto Caves, un imponente sistema di grotte e gallerie che si estende per circa 16 chilometri: si trova circa 3 km a est di Discovery Bay, un’ampia baia che più o meno è a metà strada tra Montego Bay e Ocho Rios.

Oggi Goldeneye è un hotel molto esclusivo e la spiaggia antistante si chiama James Bond Beach: per entrare si pagano 5 US$, occasionalmente fa da cornice a qualche concerto. La tenuta adesso appartiene a Naomi Campbell, la quale ogni tanto vi soggiorna. Ma gli abitanti del posto non hanno affatto dimenticato il “papà” di 007, al punto da intitolargli il nuovissimo aeroporto di Ocho Rios: lo Ian Fleming International Airport è stato inaugurato nel gennaio del 2011.

YouTube / Panama Red – via Iframely

CONDIVIDI
Massimo Poggini
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino). Ultimo libro uscito: "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi".