La felicità è un sistema complesso. E pretenzioso?

Crisi, imprenditori senza scrupoli, licenziamenti e amore. Non sarà troppo?

152
0

La felicità è un sistema complesso
di Gianni Zanasi
con Valerio Mastandrea, Giuseppe Battiston, Hadas Yaron, Paolo Briguglia, Filippo De Carli, Camilla Martini e Maurizio Donadoni
Voto 6 e 1/2

Enrico Giusti (Valerio Mastandrea) di mestiere persuade grossi dirigenti incompetenti a lasciare il proprio mestiere, per evitare che facciano fallire le imprese di cui sono a capo: una sorta di tagliatore di teste in incognito. Un giorno in casa sua piomba una ragazza israeliana, fidanzata del fratello troppo codardo per rivelarle di non volere una storia con lei. Parallelamente, due grossi imprenditori, coniugi, muoiono in un incidente stradale, lasciando l’azienda in mano ai figli, una minorenne, l’altro diciottenne idealista.
Delocalizzazione, esuberi, operaio licenziato che dà dello stronzo al ragazzo, dandosi fuoco davanti a lui. Il tutto, evitabile cedendo l’impresa agli olandesi, ecologisti.
È film di formazione. È film che indaga sui sentimenti. È film d’attualità. È Torino Film Festival ed è festival della retorica.
La storia d’amore non poteva mancare. Il lieto fine invece manca.
Nel mezzo, una serie di battute; alcune, bisogna dire, riuscite. Una recitazione impeccabile di Mastandrea, un Battiston abbastanza defilato e un Filippo De Carli alla sua prima (e ultima?) prova d’attore. E poi tempi lunghi, riprese inutilmente lente, film che decolla ma non arriva.
La felicità è un sistema complesso. Il film pure? Forse troppo? O semplicemente pretenzioso?

Ecco alcuni estratti della conferenza stampa di presentazione del film

YouTube / Spettakolo! – via Iframely

CONDIVIDI
Laura Berlinghieri
Nata a Venezia, ma vivo a Milano. Classe '93. Diploma al liceo scientifico-linguistico, ultimo anno di Giurisprudenza all'Università di Padova e un Erasmus in Spagna. Tanti interessi: dalla scrittura alla musica, dai viaggi alla politica. Musicista per diletto e aspirante giornalista. Prime collaborazioni con Max/Gazzetta dello Sport, Radio Base di Mestre, Young.it e NonSoloCinema.com. Giornalista pubblicista, da cinque anni inviata alla Mostra del Cinema di Venezia.