Uno per tutti. Tutti nei guai

Tre amici uniti da un patto tragico riuniti in una nuova tragedia

22
0

Uno per tutti
di Mimmo Calopresti
con Isabella Ferrari, Fabrizio Ferracane, Giorgio Panariello, Thomas Trabacchi
Voto 5/6

Erano tre bambini e si giurarono eterna amicizia per via di un fatto terribile che devastò la loro infanzia. Quale fatto lo sapremo strada facendo. Adesso uno dei tre, imprenditore incanaglito, si ritrova con un figlio che forse ha accoltellato un coetaneo: chiede agli altri due di contraccambiare quello che fece per loro da bambino. Lo chiede con una certa arroganza disperata. Cosa fece? Anche quello lo sapremo strada facendo. Uno degli altri due oggi è un poliziotto, e già esita nascondendo una prova, l’altro è un medico il cui cuore ancora batte per la donna che sposò l’imprenditore. Sono un po’ tutti delineati con un occhio alla sociologia da televisione: il ragazzo è ribelle senza causa (noia? sensazione di non essere molto amato?), il padre è del genere “io sono sopra le leggi”, il poliziotto è onesto e povero come Dio comanda, il medico è scazzato per via di come va la sanità in Italia, e la moglie/madre ricca, annoiata e disperata recita sutra buddisti che sembra non capire. Ok, i tre moschettieri incarogniti dovrebbero essere lo specchio del disastro Italia, però la tragedia suona meccanica…

YouTube / Film&Clips – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori