Il sapore del successo. Assaggiate

Vita da supercuoco a caccia di stelle Michelin: uno se non è bollito, è fritto...

37
0
BRADLEY COOPER stars in BURNT

Il sapore del successo
di John Wells
con Bradley Cooper, Sienna Miller, Daniel Brhül, Omar Sy
Voto 6,5

Uno chef fallito, un tempo re della scena gastronomica parigina, cerca di espiare la sua discesa agli inferi aprendo ostriche a New Orleans. Alla milionesima, diligentemente annotata sul taccuino, molla tutto e dà inizio all’operazione riscatto. Vola a Londra, va a lavorare nel ristorante di un amico – Daniel Brhül – e comincia la risalita. Lo chef in rehab Adam Jones – Bradley Cooper – aveva due stelle Michelin e ora vuole la terza. Ma il passato ritorna, anche a Londra – debiti, rimpianti e scazzottate – e complica le cose. Lo sostiene, non solo in cucina, l’aiutante chef Sienna Miller (tra lei e Cooper la chimica, già testata in American Sniper, funziona). Il sapore del successo è un film sul cibo senza purtroppo la passione per il cibo. C’è la maniacale scelta degli ingredienti in una bella scena all’alba al mercato, ma per lo più tutto si concentra sui procedimenti di conservazione degli alimenti (vera chiave di volta per la riuscita di un ristorante), sulla resa estetica dei piatti, ma soprattutto sul narcisismo esasperato dello chef di questi anni – non è un caso la consulenza di Marcus Wareing, cuoco (ma si può ancora dire?) stellato e presentatore di Master Chef per la Bbc. Si capisce, gli chef sono diventati i nuovi divi, star isteriche, nel loro ambiente si conoscono tutti, e per una stella in più non si fanno scrupoli. Così volano piatti, si distruggono locali per poi ammettere che sì, può capitare che il rivale sia più bravo. E un po’ di ironia no? Spiace l’appiattimento un po’ stucchevole al modello televisivo. Da segnalare Uma Thurman, potente e temutissima critica gastronomica (peccato che il suo ruolo non sia stato sviluppato) e una teutonica Emma Thompson, analista che cerca di curare il lato oscuro dello chef. Naturalmente, ce la farà.

YouTube / 01Distribution – via Iframely

CONDIVIDI
Mariatilde Zilio
Nata a Bergamo, laureata in Filosofia, giornalista. Vive a Milano dove lavora (ad Amica, Rcs). Su Spettakolo.it non troverete mai un suo pezzo su Woody Allen: è di parte perché lo adora, anche nelle sue cose peggiori.