Heart Blanche: CeeLo Green all’ennesima potenza

Il disco scoppiettante di un artista troppo spesso sottovalutato

49
0

Heart Blanche

di CeeLo Green

Atlantic Records

Voto: 8

“Please be my guest and come on in”.
Così nella canzone di apertura del suo 5° disco da solista CeeLo Green invita gli ascoltatori ad entrare ancora una volta nel suo eccentrico mondo per godere della sua nuova musica.

E che musica! Ce n’è davvero per tutti i gusti in Heart Blanche: dai beat accattivanti di Working class heroes (WORK) e Sign of the times al soul sincero di CeeLo Green sings the blues, dalla dance anni ’80 di Tonight alla dance contemporanea di Robin Williams, fino ad arrivare alla perla dalle tinte Motown Thorns, ogni pezzo arricchisce il disco di sonorità inedite facendogli cambiare continuamente rotta.

110415- Cee Lo Green's "Heart Blanche" courtesy Atlantic RecordsVocalmente CeeLo è al top della forma, ed è proprio la sua voce squillante e piena di sfumature a creare un solido legame tra le 15 tracce che compongono l’album, altrimenti tanto diverse tra loro da far apparire inizialmente il disco un progetto confusionario e sconclusionato. Ma così non è, anzi: l’impressione che si ha dopo più ascolti è che Heart Blanche sia un concentrato esplosivo di idee, suoni ed esperienze, levigato saggiamente fino a diventare un vero e proprio palcoscenico per l’estrema creatività del talentuoso cantante.

Molti sono gli artisti cui viene reso tributo nel corso dell’album: le più celebri popstar degli anni ’80 (Est. 1980’s), alcuni personaggi dello spettacolo deceduti prematuramente (Robin Williams) e i primi compagni di avventura (Music to my soul) riempiono i testi delle canzoni con una vena di nostalgia che dona ulteriore autenticità all’interpretazione appassionata di CeeLo.

Insomma, nonostante non sia ai livelli del precedente The Lady Killer, Heart Blanche è un disco scoppiettante che fa dell’imprevedibilità la sua bandiera.
Dategli una chance: non ve ne pentirete!

Love, peace and soul

CONDIVIDI
Greg Marzi
Nato a Venezia, credo nel futuro e in Stevie Wonder.