Dio esiste e vive a Bruxelles. Si sospettava…

Dio c'è, tiene famiglia, e qualcosa ci dice che ci ha fatti come lui...

24
0

Dio esiste e vive a Bruxelles
di Jaco Van Dormael
con Pili Groyne, Benoît Poelvoorde, Catherine Deneuve, François Damiens, Yolande Moreau

Va bene. Ora sappiamo che vive in Belgio, è irritabile, è sposato e ha la faccia di Benoit Poelvoorde, che è tutto un programma. È un patriarca, nel senso di un padre di famiglia prepotente, gira in vestaglia a quadretti e pantofole senza farsi la barba, esercita un certo sadismo sui destini del mondo (la storia del mondo lo spiegherebbe) e soprattutto lo controlla con la sfiga da Legge di Murphy (se una cosa può andare male, andrà male). Pilota le sue creature con un computer vecchiotto, lavorando in casa, in una stanza che rivela una vaga propensione alle paranoie. Il suo primo figlio, Gesù, ha innovato il rapporto con gli uomini, ma insomma… Adesso tocca a Ea, sua figlia ragazzina, che ha perso la pazienza e smonta il meccanismo mandando a ogni abitante di Bruxelles un sms con la data di morte. Ha senso, ora che sapete come e quando va a finire tutto ciò, sbattervi, odiarvi, fare la guerra eccetera? Cinema utopico comico,  tenerezza alla Van Dormael, umorismo feroce, storia bizzarra (come tutte quelle che si interrogano sui rapporti tra uomini e dei), efferatezza, diciamo così, tutta belga/fiamminga (sceneggiatore Thomas Gunzig, romanziere: tra i suoi libri 10 000 litres d’horreur pure: Modeste contribution à une cous-culture , cioè 10mila litri d’orrore puro, modesto contributo a una sottocultura…), titolo italiano interessante (scelto da Van Dormael), titolo originale ambizioso:  Le Tout Nouveu Testament (il Nuovo Nuovo  testamento) perché adesso tocca alle donne, anche a entrare tra gli apostoli  (quelli nuovi sono sei, davvero impresentabili, secondo i vecchi criteri). Non fate quella faccia, ridete. Van Dormael, a differenza del suo oggetto di studio, che avrebbe fatto tutto in sette giorni, crea ogni molti anni: Toto le heros è del 1991, L’ottavo giorno del 1992, Mr Nobody del 2001. Non c’è altro, al cinema. Ma perché fa altro, e proprio con Gunzig, per esempio teatro-danza…

YouTube / I Wonder Pictures – via Iframely

CONDIVIDI
Redazione
Spettakolo! nasce nel 2015 e si occupa di cinema, musica, travel, hi-tech. Alla Redazione di Spettakolo! collaborano varie figure del mondo del giornalismo (e non) desiderose di raccontare tutto ciò che per loro è "spettacolo" (appunto).