Heart of The Sea. La balena illustrata

L'avventura che avrebbe ispirato la stesura del capolavoro di Melville

31
0

Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick
di Ron Howard. Con Chris Hemsworth, Benjamin Walker, Cillian Murphy, Tom Holland, Ben Whishaw
Voto 7 e 1/2

1820. Sulla baleniera Essex, armata da imprenditori di Nantucket (New England), è aperto dissidio tra il capitano Polard (figlio di capitani) e il secondo Chase, molto più bravo ed esperto, ma “campagnolo”, cioè snobbato dall’aristocrazia marinara. Il dissidio si quieta solo di fronte alla caccia e al guadagno: per tornare ricchi a casa i due spingono la Essex sui banchi estremi, alla fine del mondo, dove branchi di balene sono lì per farsi trasformare in prezioso olio (la fonte energetica del tempo…). Ma una balena enorme, bianca e feroce affonda i balenieri e li riduce a un disastrato gruppo di naufraghi costretti a ricorrere al cannibalismo.
Questa storia la racconta uno che da ragazzo era sulla Essex a un certo  Hermann Melville, che ne trarrà nel 1851 Moby Dick!
La storia della Essex che ispirò Moby Dick è vera, Ron Howard l’ha ripresa da uno studio di Nathaniel Philbrick. E ne ha fatto un film di grande narrativa popolare. Non cercate in questo film il dark di Moby Dick: è appena accennato il lavorìo creativo  di Melville (che si sentiva inferiore a Hawthorne), non c’è traccia delle sue ossessioni né delle importazioni dallo Sturm und Drang del romanticismo tedesco. Niente metafisica: solo navi, marinai, tempeste e balene che strapazzano i fiocinatori come nelle illustrazioni “ingenue” dei libri di avventure, ma su tramonti infernali e onde alla Turner. Non cercate Moby Dick ma  neanche Master & Commander: uscirete contenti. Qui non c’è l’ossessione del Male, ma del Capitale. Più olio più ricchezza, meno olio più disonore. E non sta bene raccontare alle assicurazioni che ci sono balene che si difendono e affondano le navi… Colpo finale, ci sono sempre meno balene in mare, ma pare che fiocinando la terra ora ne esca un olio  dalle caratteristiche simili. Il petrolio…  Ron Howard ha il dono dell’epopea elementare e riesce ad essere sempre avvincente. Gli effetti speciali sono piacevoli, ti fanno dimenticare che la storia è poca cosa  e fa niente se quando esci dal sogno sia i protagonisti che la bestia sono quasi dimenticati. È il film nel suo insieme che rapisce, come quei libri di avventure con certe illustrazioni colori che incantavano…

YouTube / Warner Bros. Italia – via Iframely

CONDIVIDI
Marco Bacci
Marco Bacci scrive di cinema, tecnologia e libri. Ogni tanto scrive romanzi. È un ex di molti lavori