Live 2016: e se la grande sorpresa fosse Bruce Springsteen?

357
0

In giornata è circolato un comunicato stampa della Barley Arts che è una sorta di bilancio dell’anno che sta per finire. Titolo: 2015 straordinario e appassionato per Barley Arts in attesa di un nuovo anno di grandi conferme e sorprese. Segue l’elenco dei concerti già confermati per il 2016: ci sarà il ritorno di The Cure (oltre 20mila biglietti venduti in una settimana), lo speciale tour acustico di Brian May & Kerry Ellis in sei teatri italiani, il bis dei tour di Deep Purple, Mika, Queen + Adam Lambert, oltre ai concerti di The Winery Dogs, Blue Pills, Jack & Jack, Sunset Sons, Adam Lambert, Rufus, Xavier Rudd, Maybeshewill e Television. Con un occhio di riguardo per gli artisti italiani: il 2015 ha visto l’inizio della collaborazione con Niccolò Fabi, Paola Turci e Lorenzo Fragola.

Prima c’è un sunto di quanto successo nel corso del 2015, ovviamente partendo dallo strepitoso successo degli Ac/Dc, che all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola lo scorso luglio hanno stabilito il record di spettatori in terra italiana per un artista internazionale: ben 92.000 paganti! Ma Barley Arts ha organizzato parecchi altri concerti di successo, dai Queen + Adam Lambert ai Chemichal Brothers, dai Kiss a Mika accompagnato da un’orchestra sinfonica. E ancora: Joe Satriani, Prodigy, Deep Purple, Paul Weller, Counting Crow, Natalie Imbruglia e decine di altri. Senza dimenticare lo lo Streeat Foodtruck Festival, format dedicato al cibo di qualità su ruote, che ha collezionato oltre 500mila presenze nel tour che ha toccato otto città italiane (e nel 2016 ci saranno tappe anche all’estero).

Ma la superchicca arriva in chiusura di comunicato, con una frase a metà tra il sibillino e lo scherzoso di Claudio Trotta:  «Altre e tante belle opportunità per il 2016 si aggiungeranno e non escludo e mi auguro la chiusura dell’anno in corso o l’inaugurazione di quello nuovo con i botti o meglio con le botti piene di… acqua di fiume :-)))». Cosa vorrà dire quella faccina che ride? E quell’“acqua di fiume” vuole essere un indizio? Tutti infatti sanno che Trotta per quanto riguarda l’Italia è il promoter di fiducia di Bruce Springsteen. Il quale pochi giorni prima di Natale ha annunciato ufficialmente un nuovo tour americano, guarda caso intitolato proprio The river tour… Che a giorni venga annunciato anche il tour europeo, e conseguentemente le date italiane? Naturalmente è soltanto una supposizione. Ma sarebbe davvero fantastico se questa ipotesi diventasse realtà.

CONDIVIDI
Massimo Poggini
Massimo Poggini è un giornalista musicale di lungo corso: nella seconda metà degli anni ’70 scriveva su Ciao 2001. Poi, dopo aver collaborato con diversi quotidiani e periodici, ha lavorato per 28 anni a Max, intervistando tutti i più importanti musicisti italiani e numerose star internazionali. Ha scritto i best seller Vasco Rossi, una vita spericolata e Liga. La biografia; oltre a I nostri anni senza fiato (biografia ufficiale dei Pooh), Questa sera rock’n’roll (con Maurizio Solieri), Notti piene di stelle (con Fausto Leali) e Testa di basso (con Saturnino). Ultimo libro uscito: "Lorenzo. Il cielo sopra gli stadi".